Nel cuore della notte andava a prendere il caricabatteria, arriva la stangata dei carabinieri

Sono state 53 le persone denunciate su tutto il territorio provinciale per essere state sorprese fuori dalle abitazioni senza un motivo impellente

Controlli a raffica, nel fine settimana, da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Rimini che hanno pattugliato tutto il territorio per far rispettare l'ordinanza che impone di stare nelle proprie abitazioni per combattere il contagio. In tutto sono state ben 53 le persone denunciate per inosservanza del provvedimento delle autorità e, tutte, hanno inventato le scuse più improbabili per giustificare la loro uscita. In particolare, a finire nei guai, sono stati 4 giovani studenti, poiché sorpresi mentre erano intenti a campeggiare in un’area verde pubblica in località San Martino Monte l’Abate di Rimini. Due soggetti di origine afgana sorpresi mentre, seduti sulla stessa panchina all’interno del parco comunale “Cervi” di Rimini, erano intenti a colloquiare tra di loro fumando tranquillamente una sigaretta. Quindici persone che, controllati sul territorio dei comuni di Rimini, Bellaria Igea Marina e Santarcangelo di Romagna, a seguito di accertamenti sono risultati variamente inottemperanti. I carabinieri della Stazione di Novafeltria, invece, hanno denunciato due donne, una 27enne ed una 61enne, entrambe residenti a Novafeltria. Controllate in orario notturno a bordo di un’autovettura, si giustificavano asserendo di “essere state a casa del ragazzo della più giovane anche per ritirare la spesa che l’uomo aveva effettuato per loro”. I militari della Stazione di Villa Verucchio hanno denunciato un 42enne albanese, residente a Verucchio, sorpreso in auto all'1.20 nell'abitato di Villa Verucchio che si giustificava dicendo di “essere stato da un suo conoscente a Poggio Torriana per ritirare il carica batterie del suo cellulare”. Una ragazza 29enne di Rimini, sorpresa a bordo della sua macchina in sosta in un piazzale dell’abitato di Poggio Torriana, che, alla richiesta di fornire spiegazioni sulla sua presenza in quel luogo, asseriva di “essersi recata in quel luogo a seguito di un diverbio col suo ragazzo pur consapevole delle limitazioni e prescrizioni in atto”. I carabinieri della Compagnia di Riccione, in fine, hanno denunciato 28 persone che, al termine degli accertamenti di rito, non hanno fornito una valida giustificazione circa la loro permanenza fuori dal rispettivo luogo di domicilio.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Coronavirus, il bollettino: l'attività di screening scopre due positivi asintomatici

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

Torna su
RiminiToday è in caricamento