Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

Incredibili video diffusi in rete da parte di un gruppo di ragazzini: film porno amatoriali anche all'interno dei centri commerciali

Hanno dell'incredibile alcuni video a luci rosse che, negli ultimi giorni, stanno impazzando sul web tanto da fare decine di migliaia di visualizzazioni. A rilanciarli è un noto sito dove tre giovani, un ragazzo e due ragazze, si cimentano in imprese erotiche in ogni angolo della provincia di Rimini facendo sesso all'aperto nei luoghi più impensabili prendendosi gioco delle forze dell'ordine e della quarantena imposta per l'epidemia di Coronavirus. Sulla loro pagina dedicata sono, all'ultimo conteggio, 89 i filmini amatoriali postati dove si va ben oltre qualsiasi fantasia. Nella presentazione, che suscita subito un senso di disgusto, spiegano di essere "una strana famiglia composta da una sorella e un fratello, che vivono insieme. Ci siamo innamorati della stessa ragazza e ora siamo entrambi fidanzati con lei, godendoci la vita tutti insieme". E, secondo loro, godersi la vita equivale a pubblicare sul web pornografia di bassa lega dove si insultano le forze dell'ordine impegnate a vigilare sulle norme anticontagio. E' letteralmente allucinante il filmino girato, secondo la data, lo scorso week end dove di notte si piazzano all'interno della loro vettura parcheggiata davanti al comando della Municipale di Rimini in via della Gazzella facendo sesso. In un inglese quanto mai zoppicante, i tre protagonisti spiegano: "è così che passiamo la quaranta: s*****do davanti alla polizia. Sbirri di m****a!".

In un altro video, girato sempre a Rimini in via della Martora a ridosso dell'A14, firmandosi "Dollscult Satanic Family" dicono: "non solo non ce ne frega un c***o se ci saranno milioni di morti, ma anzi ci godiamo pure. Del vostro genere umano del c***o non ce ne frega nulla, dovete crepare uno per uno s******i di m***a". Nelle immagini appare chiaro come, oltre a fare sesso sul cofano della vettura, una delle ragazze abbia scavalcato la recinzione che protegge l'autostrada e, piazzandosi sulla corsia di emergenza, tira su la t-shirt per mostrare il seno ai camionisti di passaggio. Situazione analoga a quella in cui si vedono a Bellaria, sulla Ss16 nel tratto a quattro corsie, fermi anche questa volta sulla corsia di emergenza. Stesse immagini di sesso estremo sul cofano, con le auto che sfrecciano a pochi centimetri da loro.

Ma l'aria aperta non è l'unico dei loro posti preferiti per esibirsi. In alcuni video, evidentemente girati pochi giorni prima il lockdown di Rimini, il trio si aggira all'interno del centro commerciale "Le Befane" già semi deserto per l'epidemia. Nonostante questo, però, non perdono l'occasione per infilarsi nei camerini di prova di alcuni negozi e dare il via alle loro performance erotiche. Non mancano nemmeno le immagini di entrambe le ragazze che, tra gli scaffali del supermercato, abbassano pantaloncini e alzano magliette per mostrare alla telecamera le loro parti intime. Stesse scene anche all'Ikea dove, tra gli allestimenti dei mobili, si mettono in scena inenarrabili attorcigliamenti.

Map-2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

Torna su
RiminiToday è in caricamento