Coronavirus, Hera mette in campo misure cautelative: "Sportelli aperti, ma meglio telefonare"

Tutti i servizi ad oggi sono regolari, messe in campo misure cautelative nei confronti dei dipendenti. Si consiglia in ogni caso ai clienti di privilegiare i canali di contatto telefonici e online, compresa la app My Hera

Con riferimento alle misure di tutela dal Coronavirus (COVID - 2019), il Gruppo Hera rende noto che ad oggi tutti i servizi gestiti sul territorio risultano regolari, così come i servizi di pronto intervento. Gli sportelli sul territorio sono regolarmente aperti, ma "si invitano in ogni caso i clienti a privilegiare i canali di contatto telefonici e online, recandosi agli sportelli solo in caso di necessità". Per svolgere le pratiche si i numeri gratuiti del Servizio Clienti sono attivi dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22, il sabato dalle 8 alle 18 (800.999500 per le utenze domestiche, 800.999700 per le utenze non domestiche), mentre i servizi online e la app My Hera sono sempre disponibili.

"Poiché per la multiutility le persone sono l’asset principale e la loro tutela rappresenta la priorità, sono state messe in campo misure aggiuntive cautelative per contenere la diffusione del virus - evidenzia l'azienda -. Fermo restando l’indicazione di contattare il numero 1500 per tutte le informazioni di carattere sanitario e il numero 112 per le richieste di assistenza sanitaria in caso di sintomatologia evidente, l’azienda ha dato diffusione capillare alle comunicazioni del Ministero della salute contenenti i comportamenti da seguire, affisse in tutte le bacheche e la intranet aziendale, e attivato un indirizzo mail dedicato a cui i colleghi possono scrivere al fine di ottenere informazioni e chiarimenti. In via cautelativa sta intensificando tutte le attività di pulizia delle sedi e sportelli".

"I dipendenti in stato di gravidanza o che soffrono di immunodepressione, così come quelli che presentano sintomatologia respiratoria o influenzale, anche lieve, o che sono entrati in contatto con persone che potrebbero avere contratto il virus sono stati invitati a contattare il medico curante per considerare l’astensione dal lavoro - viene ricordato -. Sempre in via cautelativa, tutti i dipendenti sono stati invitati a ridurre le trasferte verso le aree limitrofe alle zone interessate dai provvedimenti delle Autorità preferendo, quando possibile, riunioni in videoconferenza o telefoniche. I fornitori sono stati invitati ad attenersi alle stesse misure adottate dall’azienda".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento