rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Cronaca

Corriere riminese consegna oltre 2 chili di cocaina, condannato insieme allo spacciatore

Nell'abitazione del pusher i carabinieri hanno trovato un tesoretto da 60mila euro ritenuti il provento delle cessioni di "neve" nel territorio trentino

In casa aveva qualcosa come 60mila euro in contanti: frutto di attenti risparmi o un’eredità? Macchè. Secondo le forze dell’ordine si tratterebbe dell’ingente gruzzolo che gli aveva fruttato lo spaccio di cocaina. E così è finito nei guai un tunisino di 29 anni, volto noto alle forze dell’ordine, che ha patteggiato 3 anni e mezzo per droga. Ma andiamo con ordine.

I problemi con la giustizia, per lui, sono cominciati la scorsa estate, quando è stato sorpreso dai carabinieri di Lavis (provincia di Treno) mentre il tunisino riceveva un pacchetto da un 23enne italiano, arrivato da Rimini con una ragazza. Arresto il flagranza di reato per i tre, anche perché il pacchetto conteneva ben 2 chili e 300 grammi di cocaina.

La ragazza era stata rimessa subito in libertà, mentre le cose non erano andate altrettanto bene per il 23enne e per il tunisino, accusato di ricezione e detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio, senza dimenticare il tesoretto di 60mila euro, trovato in un armadio di casa dopo una perquisizione e sequestrato. L’udienza in tribunale davanti al Gup Gianmarco Giua ha portato al patteggiamento, con la condanna a 3 anni e 6 mesi per il tunisino e 2 anni, con pena sospesa, per l'italiano. Gli avvocati del tunisino sono in attesa delle motivazioni della sentenza per valutare, in merito alla confisca, un eventuale ricorso.

Le principali notizie

Molestie sessuali in palestra, chiesto il processo per l’istruttore

Liste d’attesa, quasi un anno per una visita oculistica

Hotel ai raggi X, quattro strutture a rischio declassifica

Accusato di aver violentato l'amica della figlia, il gip non convalida l'arresto

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corriere riminese consegna oltre 2 chili di cocaina, condannato insieme allo spacciatore

RiminiToday è in caricamento