rotate-mobile
Cronaca

Un corteo seguito da migliaia di persone, dal ponte di Tiberio la rievocazione della Legio XIII Gemina

Rievocazione storica che fa luce sui fatti accaduti nel gennaio del 49 a.c fra il Rubicone ed il Foro di Rimini

Si è svolta sabato (14 gennaio) una rievocazione storica che fa luce sui fatti accaduti nel gennaio del 49 a.c fra il Rubicone ed il Foro di Rimini. Protagonista la Legio XIII Gemina, associazione di promozione sociale (Aps) che opera sul territorio Riminese e Bolognese (ha sede sia a Rimini che Bologna) dal 2011 ed è attiva in campo sia nazionale che internazionale.

L’evento ha avuto inizio all’invaso davanti il ponte di Tiberio dove i Legionari hanno svolto alcune manovre militari e hanno tenuto una didattica sull’armamento e sugli usi e costumi del periodo fra il 1° secolo d.c e 1° sec a.c. Già all’invaso erano presenti circa 500 persone. La legio XIII si è poi inquadrata ed ha sfilato con gli stendardi e Cesare in testa lungo il corso dove ha echeggiato il “canticum” della legione che rammenta le gesta della XIII dalla Gallia a Reno , passando per la guerra civile fino alla campagne daciche, tra il trionfo dei cittadini che hanno seguito il corteo fino in piazza Tre Martiri.

Qui la folla del pubblico si è ampliata fino a quasi 1500 persone che hanno assistito prima al “sacramentum” che era il giuramento che i Legionari facevano al loro comandante (e poi all’imperatore) e poi sono seguite le formazioni tipiche del “Murum” e della “Testudo”. E’ intervenuto a nome del sindaco e dell’amministrazione (l’evento è stato patrocinato dal comune di Rimini)  l’assessore Mattia Morolli che ha sottolineato “il valore dei luoghi di cui Rimini è densa, fra cui il sacello presente proprio in piazza e che ricorda il punto esatto dove Cesare arringò la folla e che dà ancora più valore alla statua presente in quel luogo. Rimini ha una storia ed una cultura che sono al centro dei fatti accaduti anche nell’antichità ed è uno snodo sia viario che culturale che da il via ad una centralità ancora oggi presente e di cui dobbiamo avere cura e memoria”.

E’ seguita una lettura del brano dedicato al discorso di Cesare da uno dei più famosi cronisti del tempo “Lucano” che è giunto fino a noi e riassume gli accadimenti di quella notte di gennaio del 49 a.c , quando Cesare giunse a Rimini e “Inizio il viaggio che cambiò la storia”. Questo il titolo della manifestazione che visto l’incredibile successo e gradimento di pubblico diventerà probabilmente una importante ricorrenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un corteo seguito da migliaia di persone, dal ponte di Tiberio la rievocazione della Legio XIII Gemina

RiminiToday è in caricamento