menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid-19 e crisi economica, da San Leo la proposta di una "no-tax area"

Così il sindaco di San Leo, Leonardo Bindi, sulla ripresa delle attività economiche

 "Dopo il lockdown è necessario passare dalle parole ai fatti". Così il sindaco di San Leo, Leonardo Bindi, sulla ripresa delle attività economiche: "Nonostante le misure messe in cantiere dal Governo, si prefigura la chiusura di molteplici attività ed imprese dell’agricoltura, del settore commerciale e in particolare modo turistico ricettivo, della manifattura e dell’artigianato “Made in Italy”. Per ovviare a questa catastrofe locale si ritiene che sia imprescindibile un netto taglio della pressione fiscale, già peraltro necessario ante-Covid 19".

"Per questo motivo propongo l’istituzione temporanea di una no-tax area, almeno per cinque anni per i nuovi insediamenti e tre per quelli già esistenti, che dia respiro alle imprese, fiducia nella presenza reale ed effettiva delle istituzioni e voglia di programmare il futuro anziché gestire una sopravvivenza sempre più precaria - continua Bindi -. Occorre quindi che lo Stato perlomeno rimodelli la pressione fiscale diretta su queste aree, le Regioni azzerino l’Irap, le Provincie ed i Comuni azzerino le imposte locali. Naturalmente occorrerà un grande sforzo di solidarietà da parte dello Stato e delle Regioni interessate per rifondere ai Comuni le somme non incassate a titolo di tributi locali, in maniera diretta o indiretta, vale a dire attraverso il finanziamento di opere pubbliche o l’attivazione di servizi a costo zero".

"Ritengo che lo Stato e gli enti locali abbiano tutto da guadagnare da una misura simile, che mantiene famiglie sul territorio a presidio del medesimo, a custodia delle tradizioni e delle attività che tanto successo hanno in Italia ed all’estero e che continuano a richiamare in Italia milioni di persone, contribuendo in tal modo a creare nuove opportunità di lavoro - conclude -. Chiedo pertanto all’Anci di farsi portatore di questa istanza al Governo Italiano ed invito caldamente i rappresentanti del Governo e delle istituzioni a visitare i nostri borghi e le meraviglie naturali del nostro magnifico appennino, per rendersi conto e toccare con mano quanto rischia di andare irrimediabilmente perduto. L'Appennino deve tornare ad essere la spina dorsale dell'Italia come nel dopo guerra. Sono certo che questo appello non cadrà nel vuoto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ritenzione idrica: come eliminarla in poche mosse

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento