Cronaca

Covid, manca personale nelle strutture sanitarie e la Regione rilancia l'appello ai pensionati

L'assessore: "Tutto quello che potremo fare per arruolare infermieri lo faremo, cercheremo di arrivare a stimolare tutte le risorse in campo"

Continua a essere pressante il problema della mancanza di infermieri e operatori socio-sanitari nelle strutture per anziani e disabili. E così la Regione Emilia-Romagna prova a rispolverare la carta dei professionisti in pensione. A rilanciare l'appello a chi ha già appeso il camice al chiodo è l'assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, venerdì nel corso di una conferenza stampa. "Negli ultimi tre anni sono circa 1.200 i professionisti andati in pensione", calcola l'assessore, augurandosi che qualcuno si rimetta di nuovo a servizio. "Ne abbiamo avuto poche decine nella prima ondata", sottolinea Donini, che non esclude anche di integrare il personale con contingenti in arrivo da Paesi extra Ue. Insomma, "tutto quello che potremo fare per arruolare infermieri lo faremo- assicura Donini- cercheremo di arrivare a stimolare tutte le risorse in campo". E' necessario però anche un intervento nazionale, afferma l'assessore. Per questo, "abbiamo chiesto al Governo di valutare diverse misure, come ad esempio eliminare il vincolo della esclusivita'". In ogni caso, aggiunge Donini, "non parlerei di conflitto involontario sul personale tra le strutture, ma di una situazione oggettiva molto complicata e acuta che riguarda il reperimento in particolare degli infermieri, anche per la sanità pubblica".

(Agenzia Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, manca personale nelle strutture sanitarie e la Regione rilancia l'appello ai pensionati

RiminiToday è in caricamento