Crac Aeradria, scatta la prescrizione per molti dei reati contestati

Escono completamente dal processo l'ex sindaco di Rimini Alberto Ravaioli e l'ex presidente della provincia Nando Fabbri

Camera di consiglio fiume quella di venerdì nel Tribunale di Rimini, durata circa sette ore, dove i giudici hanno affrontato lo stralcio dell'inchiesta sul crac Aeradria, che in questi anni ha visto a processo personaggi illustri della politica e dell'economia riminese. E per gli imputati e per buona parte dei reati, i più importanti, è intervenuta la prescrizione. Il tribunale ha disposto il dissequestro dei beni.

A uscire completamente dal processo sono l'ex sindaco di Rimini Alberto Ravaioli e l'ex presidente della provincia Nando Fabbri. Per tutti gli altri imputati, e solo per i reati residui, l'udienza riprende il 26 gennaio. Rispetto alla non perseguibilità per la prescrizione, da parte dei legali degli imputati “istituzionali” era stato chiesto di poter dimostrare l’inconsistenza delle accuse per arrivare all’assoluzione.

Restano quindi a processo, a vario titolo, con un ulteriore alleggerimento del carico degli addebiti, l'ex presidente della provincia Stefano Vitali, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, Lorenzo Cagnoni, presidente della Fiera, Manlio Maggioli, ex presidente della Camera di Commercio, Mario Formica, Santo Pansica e Fabio Rosolen.

Il legale di Andrea Gnassi, l'avvocato Nicola Mazzacuva, ha scritto nella serata di venerdì: "Nella giornata odierna il Tribunale di Rimini ha pronunciato sentenza liberatoria nei confronti del patrocinato Andrea Gnassi in ordine ai fatti contestati sulla vicenda cosiddetta ‘Aeradria’, risalenti addirittura a 14 (2006) e 9 (2011) anni fa, disponendo altresì il dissequestro di tutti beni. Sentenza liberatoria chiesta, peraltro, dallo stesso Pubblico Ministero. Si conclude così per l’assistito il procedimento sui predetti fatti processuali, ricordando ancora che numerose ulteriori imputazioni erano già state oggetto di una sentenza pienamente assolutoria pronunciata dal Gup del Tribunale di Rimini nel 2017".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento