rotate-mobile
Cronaca

Crescono residenti e famiglie; dopo 3 anni calano i decessi e continua la ripresa dei matrimoni

Il bollettino demografico semestrale fotografa la città, “Un lavoro di analisi accurato – sottolinea l’assessora alla Statistica Anna Montini - che ci consente di monitorare l’andamento in maniera periodica"

Aumenta la popolazione residente, cala la mortalità e aumentano gli anziani che vivono soli, continua la ripresa delle coppie che scelgono di convolare a nozze: sono alcune delle tendenze che emergono dal bollettino demografico semestrale elaborato dall’ufficio statistica del Comune di Rimini. “Un lavoro di analisi accurato – sottolinea l’assessora alla Statistica Anna Montini - che ci consente di avere una fotografia della popolazione riminese, di monitorare l’andamento in maniera periodica. Non è solo un approfondimento fine a se stesso, ma uno strumento molto utile  per l’Amministrazione per calibrare gli interventi e i servizi necessari per i cittadini e per le famiglie, sulla base delle nuove dinamiche che emergono dai numeri”.  

La popolazione residente nel Comune di Rimini al 30 giugno 2023 conta a 150.416 abitanti, 111  in più rispetto al dato del 31 dicembre 2022. Si conferma quindi il trend di crescita demografico che ha caratterizzato il 2022, dopo i due anni contrassegnati dalle conseguenze della pandemia. Andando ad analizzare le dinamiche del territorio, l’ex quartiere 2  risulta l’area con maggior espansione demografica con 102 nuove iscrizioni, mentre l’ex quartiere 6 è quello che presenta il calo più marcato (-67). Anche Rimini in linea con l’andamento del Paese arretra sul fronte della natalità: nel primo semestre 2023 si sono contate 434 nascite contro le 468 del primo semestre 2022 (-34, pari ad un -7,26%). Un dato che conferma una tendenza generalizzata verso la denatalità se confrontato al numero medio di nascite dei primi sei mesi dell'anno nel periodo 2018-2022 (media 473). L’81,94% dei nuovi nati è di cittadinanza italiana (353); i neonati stranieri venuti al mondo a Rimini sono 81, in leggera flessione rispetto al 2022 (3 in meno). I fiocchi azzurri sorpassano i fiocchi rosa: quasi il 52% dei nuovi nati infatti sono maschi.  

Cala la natalità, ma cala anche la mortalità: 802 i decessi registrati nel semestre, 120  in meno rispetto al semestre 2022. Dopo 3 anni contrassegnati da un eccesso di mortalità legato alle conseguenze della pandemia, in questi primi 6 mesi dell'anno si registra quindi un netto miglioramento. Il calo dei decessi analizzato per le diverse  fasce  d’età ci mostra una flessione generale progressivamente più marcata con l'avanzare dell'età. Significativo il dato dei 65 decessi in meno per la fascia over 85 anni, il decremento più alto. Da segnalare l'età media dei decessi, che  aumenta per le donne (da 84,76 a 84,86 anni), mentre diminuisce per gli uomini (da 80,29 a 79,63).  

Il saldo migratorio (differenza tra iscritti e cancellati per cambio di residenza) è in calo rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno, ma continua a restare marcatamente positivo: 2.522 coloro che si sono stabiliti a Rimini contro, mentre sono stati 2.058 quelli che si sono trasferiti (+464). Nel primo semestre 2022 il saldo era di 708 unità. Gli scambi migratori denotano un sostanziale equilibrio tra trasferimenti da e per entità territoriali emiliano-romagnole (rispettivamente 12% e 15%). Circa il 45% di chi arriva a Rimini proviene da altre regioni italiane, mentre rimane alto lo scambio di residenti con gli altri Comuni della provincia (27% dei nuovi residenti).  
Si allarga il differenziale tra gli arrivi dall’estero (28%) e le partenze per fuori Paese (13%): aumenta sia l’immigrazione dall’estero (711 arrivi contro i 673 registrati nel primo semestre 2022) sia l’emigrazione verso l’estero (267 partenze contro 220).  

Sono 19.609 gli stranieri residenti a Rimini alla data del 30 giugno 2023, pari al 13% del totale della popolazione, 88 in meno rispetto al 31 dicembre 2022. Gli stranieri immigrati a Rimini da gennaio a giugno 2023 sono 1.039, con un incremento di 96 persone rispetto a quelle registrate nello stesso periodo dello scorso anno. Al 30 giugno 2023 sono 68.746 le famiglie presenti a Rimini, 145 in più rispetto al 31 dicembre del 2022. Un andamento in  positivo anche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno con un aumento di 296 famiglie. Sono 26.590 i nuclei familiari composti da un’unica persona che fanno registrare un incremento di 77 unità rispetto alla fine del 2022, confermandosi come la tipologia più numerosa pari al 38,68% del totale. Aumentano le famiglie “miste” composte da italiani e stranieri ora pari a 3.641 (5,30%), +72 rispetto alla fine del 2022.  

I dati demografici confermano l’incremento della vita media della popolazione e la presenza diffusa su tutto il territorio di anziani che vivono da soli, fenomeno sociale che incide sulla consistenza dei nuclei monocomponente. Nel primo semestre del 2023 si contano 10.714 anziani che vivono in autonomia, 104 persone in più rispetto alla fine del 2022,  di cui l’il 9% residente nel centro storico. I dati del primo semestre 2023 consolidano una ripresa del rito matrimoniale, con 192 matrimoni rispetto ai 173 registrati nello stesso periodo dello scorso anno (+19, pari +11%). Da segnalare come dato in controtendenza, l’aumento del matrimonio religioso: 61 nel primo semestre contro i 40 dei primi sei mesi del 2022. 131 invece i matrimoni civili (-2) 

La classifica dei nomi preferiti dai genitori per i nuovi nati nei primi sei mesi dell’anno in corso è Aurora (9),  Beatrice (6) e Ludovica (6) per le femmine, Edoardo (12), Enea (9) e Tommaso (9) per i maschietti.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crescono residenti e famiglie; dopo 3 anni calano i decessi e continua la ripresa dei matrimoni

RiminiToday è in caricamento