Criminalità, il Prefetto: "Territorio sano ma già 3 aziende interdette per mafia"

La dottoressa Camporota analizza la statistica de IlSole24Ore: "Rimini realtà complessa ma ha gli anticorpi per reagire alle infiltrazioni"

"Rimini realtà complessa ma ha gli anticorpi per reagire alle infiltrazioni". E' il Prefetto Alessandra Camporota ad analizzare i dati de IlSole24Ore che mettono la città al secondo posto in Italia per reati denunciati e, allo stesso tempo, la rappresentate del Governo ha voluto approfondire anche il tema della criminalità organizzata dopo gli esiti dell'operazione "Hammer" dei carabinieri che ha scongiurato una guerra tra clan emergenti. "Le statistiche sul crimine emerse in questi giorni - ha spiegato il Prefetto - hanno confermato Rimini tra le prime città per numero di reati ma, allo stesso tempo, ha evidenziato come questi siano in diminuzione. Alla luce di questo, posso dire che questo è un territorio complesso e, come è stato più volte ribadito, il forte afflusso turistico rende i numeri di difficile interpretazione. Il punto fermo è che, qui, le persone hanno la propensione a denunciare i reati segno della loro fiducia nelle forze dell'ordine e della presenza di anticorpi per reagire alla criminalità. Detto questo, per valutare l'incidenza dei crimini insieme al Questore abbiamo analizzato il numero delle denucie dividendole tra il periodo estivo e quello invernale ed è emerso che il 50% dei reati sul territorio viene commesso tra maggio e agosto e, la restante metà, negli altri 8 mesi dell'anno".

"Rimini - presegue la dottoressa Camporota - è anche ai primi posti nella classifica sulle città dove si vive meglio e, a mio parere, questo va di pari passo con la statistica meno lusinghiera del crimine. Chi tende a delinquere, infatti, lo fa dove ci sono maggiori opportunità e, il territorio, si presta quindi ad essere un punto di interesse per chi vuole commettere reati. L'economia della provincia, per quanto soffra come in altre realtà, è fiorente e questo è un altro fattore che interessa i criminali, soprattutto quelli organizzati come è emerso nell'operazione "Hammer" dei carabinieri. Per questo motivo l'attenzione della Prefettura resta sempre alta e, appena vengono individuati quei 'reati spia' che possono far pensare a infiltrazioni della criminalità organizzata sul territorio, ci si attiva per approfondire le singole situazioni. L'ufficio territoriale del governo, infatti, svolge una serie di attività complesse sul tessuto economico della provincia che vanno dal rilascio alle aziende della certificazione antimafia all'inserimento dei vari imprenditori nella cosiddetta 'white list'. Ed è proprio grazie a questa attenzione che, da marzo, sono state ben 3 le ditte operanti nell'edilizia e in odore di mafia interdette dal poter operare negli appalti pubblici. Si tratta di aziende che volevano partecipare a delle gare di appalto ma, dai controlli effettuati, sono emersi dei segnali d'allarme che hanno portato al provvedimento. La Prefettura, inoltre, esegue delle mappature periodiche dei soggetti legati alla criminalità organizzata presenti sul territorio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per quanto riguarda la microcriminalità che viene percepita dalla popolazione - conclude il Prefetto - posso dire che in sede di comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza questo tema viene sempre affrontato con cura. La continua sinergia tra le varie forze dell'ordine e le amministrazioni comunali del territorio è una delle risposte con cui si combatte il crimine in una realtà dove, comunque, le risorse sono quelle che sono. C'è da dire, tuttavia, che su Rimini c'è una forte attenzione da parte del capo della polizia di Stato e che, entro la prossima primavera, saranno a regime i 100 agenti in più destinati alla Questura in organico stabile ai quali, ovviamente, si andranno ad aggiungere i soliti rinforzi. Questo porterà ad avere sul territorio, contando tutte le specialità, 400 agenti che speriamo possano contare su una sede che, per quanto transitoria, sia iù adeguata di quella attuale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento