Criminalità organizzata, rinviato a giudizio "zio Pio" Rosario De Sisto

Nell'ambito dell'operazione "Idra" dei carabinieri è accusato a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata all’estorsione, esercizio abusivo del credito, bancarotta fraudolenta e intestazione fittizia di beni a nome altrui

E' stato rinviato a giudizio assieme ad alcuni dei suoi complici mentre altri hanno patteggiato, col processo che si aprirà il prossimo 12 maggio, Pio Rosario De Sisto detto "zio Pio" ritenuto dai carabinieri a capo di un sodalizio della criminalità organizzata arrestato, insieme ad altre 5 persone, nel marzo del 2016 nell'ambito dell'operazione "Idra". Ai soggetti vengono contestati reati di vario titolo: associazione per delinquere finalizzata all’estorsione, all’esercizio abusivo del credito, bancarotta fraudolenta e intestazione fittizia di beni a nome altrui. Ma non solo: tra i reati compaiono anche il trasferimento fraudolento di valori, truffa e riciclaggio. L'inchiesta era iniziata nel febbraio del 2013 sulla scia dell'inchiesta "Mirror" ed aveva portato a fare emergere i rapporti di affari tra gli indagati residenti in Romagna ed esponenti di alcuni clan camorristici di Napoli, che gestivano un sistema di riciclaggio di denaro, provento di attività illecite. A questo scopo erano state intestate ben 4 società ad alcuni prestanome: l’operazione permetterà anche il sequestro e la confisca di tali società e dei beni mobili ed immobili a loro intestati.

L'indagine degli inquirenti dell'Arma aveva fatto emergere un sistema dove spicca in modo inequivocabile la figura di Pio Rosario De Sisto, detto "zio Pio", il quale era a capo dell’associazione dando indicazioni sulle varie operazioni criminali da portare avanti. Lo stesso, nell'aprile del 2013, aveva organizzato a Bellaria un incontro dove parteciparono i fratelli Antonio e Pasquale Nuvoletta, imparentati all’omonimo clan cammoristico di Marano di Napoli, Michele Senese, esponente di primo piano della malavita romana ed arrestato nel mese di giugno 2013 quale mandate per un omicidio del 2001, ed un altro esponente di spicco residente nel capoluogo riminese.  Questo incontro, secondo i carabinieri, aveva fortificato ancora di più l’autorità di De Sisto che entrava in affari con i Nuvoletta, avvalendosi delle loro aderenze in campania, condividendo i proventi illeciti della truffa fatta tramite la società “Odierna Distribuzione srl”, fittiziamente intestata ad un altra persona ma di fatto a loro riferita. La ditta, in pratica, acquistava materie di vario genere (macchinari industriali, generi alimentari, ecc.), pagando con assegni post datati e comunque tratti da conti correnti privi di copertura. la merce consegnata veniva successivamente spostata su altri magazzini e buona parte veniva destinata in supermercati compiacenti nelle zone di Marano di napoli  e San Giovanni a Teduccio. In tale contesto agli indagati è stato rubricato il reato di bancarotta fraudolenta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’attività investigativa ha documentato inoltre come De Sisto si dedicasse, inoltre, all’esercizio abusivo del credito in favore di una moltitudine di soggetti, tra i quali anche piccoli imprenditori, cui poi conseguiva una altrettanto stabile attività di “recupero crediti”, che in alcune occasioni sfociava in condotte estorsive. Infatti nel corso delle indagini i carabinieri hanno riscontrato l'estorsione ai danni di due imprenditori riminesi di cui, uno, è stato costretto a restituire 23500 euro a fronte di un prestito di 5200 euro. I sequestri preventivi, fatti scattare all'epoca dai carabinieri contestualmente agli arresti, avevano portato i sigilli a 72 conti correnti e altri depositi in cassette di sicurezza, 2 appartamenti, 3 autovetture, 5 autocarri e le società a loro riconducibili di cui 4 tra Rimini, Fondi e Cesena il cui valore delle quote societarie ammonta a circa 220mila euro. In totale il patrimonio sottoposto alla misura cautelare si aggira sui 600mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi nel riminese: quattro rientrati dall'estero

  • Positivo al Covid abbandona l'isolamento fiduciario e gira mezza Italia in treno

Torna su
RiminiToday è in caricamento