Cronaca

Crolla il numero delle rapine in banca: in un anno messo a segno un solo colpo

Nel 2019 furono 5 gli assalti agli sportelli bancari nella provincia di Rimini, a livello regionale il numero si è più che dimezzato negli ultimi 12 mesi

Nel 2020, forse anche per 'merito' della pandemia, si sono "più che dimezzate" le rapine in Emilia-Romagna. A dirlo sono i dati di Ossif, il Centro di ricerca dell'Abi (Associazione bancaria italiana), da cui emerge che lo scorso anni "sono stati 17 i colpi allo sportello in regione contro i 35 del 2019, con un calo del 51,4%". Il dato emiliano-romagnolo, spiega l'Abi, è lievemente inferiore a quello nazionale, che mostra un calo del 56,3% (complessivamente, infatti, le rapine allo sportello sono scese dalle 272 del 2019 alle 119 del 2020). Cala anche il cosiddetto indice di rischio, vale a dire il numero di rapine ogni 100 sportelli, che è passato da 1,1 a 0,5 a livello nazionale e da 1,4 a 0,7 in Emilia-Romagna. Per quanto riguarda le singole province, risultano stabili i numeri di Parma e Bologna: se, però, nel caso della città ducale, si tratta di un dato positivo, visto che sia nel 2019, sia lo scorso anno non ci sono state rapine, Bologna fa invece registrare la peggiore performance della regione, confermando per il 2020 le 11 rapine del 2019. Rapine azzerate, invece, a Ferrara (erano state quattro nel 2019), a Piacenza, dove l'anno precedente si erano registrati due colpi, e a Reggio Emilia (che scende anch'essa da due a zero rapine). Risultano poi dimezzati, in linea con il dato regionale, i numeri di Modena e Ravenna, dove si passa dalle quattro rapine del 2019 alle due del 2020. Infine, si registra un netto calo dei colpi in banca nelle province romagnole di Forlì-Cesena (da tre a uno) e soprattutto di Rimini, dove le cinque rapine del 2019 si sono ridotte a una nel 2020.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crolla il numero delle rapine in banca: in un anno messo a segno un solo colpo

RiminiToday è in caricamento