rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Processo Aeradria, Fabbri e Vitali finiscono alla sbarra

La Corte d'Appello di Bologna annulla il proscioglimento a carico dei due ex presidenti della Provincia

Il crac Aeradria riserva novità inaspettate. A restare questa volta di stucco sono gli ex presidenti della Provincia Nando Fabbri e Stefano Vitali che andranno a processo. La Corte di Appello di Bologna ha annullato la decisione di proscioglimento a loro carico. Il gup Vinicio Cantarini aveva decretato il non luogo a procedere nei loro confronti (Fabbri era accusato di truffa ai danni dello Stato e Vitali di concorso in bancarotta) ma il magistrato Luca Bertuzzi aveva presentato ricorso in appello. E i giudici bolognesi lo hanno accettato.

Fallimento Aeradria, il sindaco di Rimini indagato

A processo per il fallimento Aeradria sono già a processo, a vario titolo con le accusa di bancarotta fraudolenta in concorso, truffa ai danni dello Stato e abuso d’ufficio, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, l'ex primo cittadino Alberto Ravaioli, il presidente della Fiera Lorenzo Cagnoni e l’ex presidente della Camera di Commercio Manlio Maggioli, oltre allo stesso Vitali, a cui adesso potrebbe essere contestato il nuovo capo d'imputazione.
Con i due nuovi rinvii a giudizio potrebbe nascere un ramo minore del processo Aeradria, è difficile infatti che la posizione di Fabbri entri nel calderone dei big illustri di Rimini. La sentenza del maxi processo del carc Aeradria è attesa per l'estate.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Aeradria, Fabbri e Vitali finiscono alla sbarra

RiminiToday è in caricamento