menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da varicella a porpora fulminante, paura per una bimba

Si è verificato, recentemente, una caso di varicella con gravi complicanze in una bambina di pochi anni di età. Ricoverata all'Ospedale "Infermi" di Rimini, la piccina si è poi rimessa,

Si è verificato, recentemente, una caso di varicella con gravi complicanze in una bambina di pochi anni di età. Ricoverata all'Ospedale “Infermi” di Rimini, nel reparto di Pediatria diretto dal professor Vico Vecchi, la piccina si è poi rimessa, e ad un recente controllo la patologia risulta definitivamente risolta, ma questo caso è sintomatico per evidenziare, oltre all'approccio tempestivo ed integrato dei professionisti aziendali che ha portato all'esito positivo, anche l'importanza della vaccinazione, per la varicella stessa, ma più in generale per le malattie per le quali il vaccino è consigliato ed offerto dalla Regione.

La piccola paziente colpita da varicella ha sofferto una drammatica evoluzione del quadro clinico, tale che dopo meno di una settimana dalla comparsa della manifestazione cutanea, è degenerato in porpora fulminante con aree di necrosi negli arti inferiori dovuta ad una coagulopatia autoimmune indotta dal virus, caratterizzata da microtrombosi del piccolo circolo. L’inizio tempestivo di una terapia mirata ha arrestato l’evoluzione sfavorevole della vasculite. Immediato anche il consulto e l'intervento dei professionisti dell'Unità Operativa di Dermatologia, guidata dal dottor Stefano Catrani sia per il trattamento in fase acuta sia per minimizzare eventuali esiti negativi futuri dovuti alla cicatrizzazione.

La varicella è una malattia infettiva abitualmente a decorso benigno ma può talvolta presentare complicanze: encefalite (1 caso su 8 mila soggetti colpiti), atassia cerebellare (1 su 4 mila), polmonite e altre infezioni batteriche. In quest'ottica il ricorso alla vaccinazione (è da poco disponibile un vaccino quadrivalente che combina varicella, morbillo, parotite e rosolia) rappresenta uno strumento efficace e sicuro per evitare la malattia e le sue complicanze. La vaccinazione viene consigliata con una prima dose a 13-15 mesi ed una seconda a 5-6 anni e produce un calo dell'ospedalizzazione del 74 per cento e dellaletalità del 66 per cento, oltre ad accrescere la resistenza collettiva all'infezione. Può essere effettuata anche da soggetti adulti che non abbiano già avuto la patologia.


Con l'occasione si ricorda inoltre l'importanza assoluta della vaccinazione specialmente per le patologie in cui le complicanze sono ancora più frequenti e severe quali ad esempio infezione meningococcica, pneumococcica, da haemophilus influenzae, morbillo, pertosse, e comunque per tutte quelle previste nel calendario vaccinale raccomandato dalla Regione Emilia Romagna e alla cui applicazione sono particolarmente attenti i professionisti aziendali dell'Igiene Pubblica e della Pediatria di Comunità nonchè i pediatri di famiglia del territorio di Rimini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Rettifica bollette luce e gas: quando e come ottenerla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento