Cronaca

Dall'hotel al bar, VisitRimini rilancia gli Iat diffusi: oltre 40 punti di accoglienza per i turisti

Ci sono stabilimenti balneari, bar ed erboristerie tra i punti di informazione turistica e possono aumentare

Ci sono stabilimenti balneari, hotel, caffè, distributori di benzina ed erboristerie tra gli oltre 40 punti di accoglienza e informazione turistica a Rimini e possono aumentare, visto che VisitRimini rilancia il progetto per far crescere gli Iat diffusi. Si chiama Io-Info ed è nato nel 2013 perché "a Rimini i turisti sono prima di tutto persone da accogliere, conoscere e rispettare".

Così tutte le categorie economiche del territorio possono diventare un vero e proprio punto d'informazione e ospitalità a integrazione delle attività di tre Uffici di Informazione ufficiali aperti tutto l'anno e di quelli stagionali, che apriranno entro l'estate. "Gli Iat diffusi - spiega Valeria Guarisco, destination manager di VisitRimini - svolgono un servizio di prima accoglienza turistica dando informazioni base sulla città e sul territorio, sugli eventi e sulle cose da fare a Rimini, propongono le Card turistiche e le esperienze da vivere".

Gli operatori aderenti possono dunque "valorizzare ulteriormente la propria attività, diventare un punto di riferimento dell'accoglienza in città e attirare l'interesse di nuovi clienti". Ogni punto informativo sara' facilmente riconoscibile tramite una segnaletica ad hoc. La partecipazione al progetto è gratuita e il 21 aprile partirà il percorso formativo digitale, strutturato in tre moduli, per approfondire alcune tematiche fondamentali per svolgere l'attività di accoglienza e informazione a Rimini. Per gli operatori interessati al progetto, c'è ancora qualche giorno per aderire, contattando VisitRimini al numero 0541.53399 per saperne di più.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'hotel al bar, VisitRimini rilancia gli Iat diffusi: oltre 40 punti di accoglienza per i turisti

RiminiToday è in caricamento