rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Dalle serate al "Sombrero" all'inno del Rimini calcio: il sindaco Gnassi incontra il Maestro Morri

Il primo cittadino: "Franco Benedetto Morri è uno dei grandi Maestri riminesi, le sue note e i suoi racconti sono il nutrimento di quelle radici per crescere e guardare al domani"

Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi ha ricevuto martedì in residenza comunale il Maestro Franco Benedetto Morri, musicista con una lunga e importante carriera alle spalle, recentemente salito sul palco del Teatro Galli in occasione della cerimonia di consegna da parte del Prefetto di Rimini delle Medaglie d’Onore per la Giornata della Memoria. Un incontro tra ricordi personali e aneddoti legati ai tanti incontri ed esperienze vissute negli anni, dalle serate al “Sombrero” di Marina Centro fino al racconto della genesi di un brano che tutti gli sportivi riminesi conoscono, quel “Rimini vai” diventato l’inno del Rimini calcio.

“La musica è quel linguaggio universale che attraversa il tempo, il terreno sulle quali affondano le nostre radici. È una forza trainante ed è uno scoglio al quale aggrapparci - afferma il sindaco -  Franco Benedetto Morri è uno dei grandi Maestri riminesi, le sue note e i suoi racconti sono il nutrimento di quelle radici di cui la città non può fare a meno per crescere e guardare al domani. Rimini è una città che progetta il futuro attorno a un’idea, che grazie alla cultura e alla memoria si presenta al mondo come libera e plurale”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle serate al "Sombrero" all'inno del Rimini calcio: il sindaco Gnassi incontra il Maestro Morri

RiminiToday è in caricamento