Cronaca

"Dammi i soldi o ti sciolgo nell'acido", in manette l'estorsore

Preso di mira l'amico d'infanzia con una lunga serie di richieste di denaro per comprarsi la droga

I carabinieri della Tenenza di Cattolica, nella giornata di mercoledì, hanno ricevuto una telefonata al 112 dove, dall'altra parte, un cittadino allarmato che chiamava da un istituto di credito di San Giovanni in Marignano dicendo di essere stato vittima di una estorsione. Sul posto è intervenuta una pattuglia dell'Arma e hanno trovato un impiegato 45enne della banca che, da circa un mese, continuava a ricevere delle continue richieste di denaro da un amico che conosceva fin da ragazzino. L'uomo un 40enne, aveva riallacciato i rapporti con l'impiegato e, dopo una prima richiesta di 4mila euro dei quali solo mille incassati, sono continuate le molestie e un'aggressione fisica per avere altro denaro. Oltre ai soldi, il 40enne pretendeva anche il Rolex della sua vittima altrimenti l'avrebbe sciolto nell'acido.

La vittima, terrorizzata, non si è rivolta immediatamente alla forze dell'ordine fino a quando, mercoledì, si è trovato l'estorsore sul luogo di lavoro e, a questo punto, ha chiesto aiuto ai carabinieri. Il 40enne è stato quindi sottoposto a fermo di polizia con l'accusa di estorsione e, la prossima settimana, comparirà davanti al giudice per la convalida. Il 40enne, secondo quanto emerso, aveva sperperato tutto il suo denaro in cocaina. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dammi i soldi o ti sciolgo nell'acido", in manette l'estorsore

RiminiToday è in caricamento