Cronaca

Turisti a Bellaria, il sindaco: "Metterei la firma per altre dieci stagioni come quella del 2016"

Nel periodo gennaio-settembre raggiunto e superato l’anno ‘boom’ 2015; solo a settembre, Bellaria Igea Marina prima in Riviera con arrivi aumentati di quasi il 20%

"Firmerei per avere altre dieci stagioni come questa". Il sindaco Enzo Ceccarelli commenta così la stagione turistica di Bellaria Igea Marina. "Avere a disposizione l’analisi del periodo gennaio-settembre permette una riflessione seria rispetto alle precedenti stagioni - spiega il primo cittadino - smentendo chi negli ultimi mesi ha parlato di stagione fallimentare". Dopo un giugno (arrivi + 7,7 %, presenze + 1,3 %) ed un luglio (arrivi + 9,8 %, presenze + 1 %) estremamente positivi, “la flessione di agosto, condivisa da Bellaria Igea Marina con quasi tutte le altre località della provincia, ha fatto gridare alla catastrofe molti rappresentanti e figure vicine all’opposizione".

"Negli ultimi due mesi abbiamo assistito a un vero e proprio tiro al bersaglio finalizzato a demolire la stagione turistica 2016 e tutto ciò che le ha ruotato attorno - prosegue Bellaria -. Lo slogan più gettonato tra chi ha provato a mortificare la stagione turistica della città e dei suoi operatori è stato “Bellaria fanalino di coda”: singolare, per altro, come gli strali siano arrivati da chi, in passato, ha accolto freddamente o totalmente ignorato aumenti percentuali in doppia cifra.”

“Tirata per la giacca, l’amministrazione comunale ha in queste settimane predicato calma, invitando ad attendere una statistica finale che consentisse un bilancio credibile e complessivo - prosegue il sindaco -. Intimamente convinta, tuttavia, di ciò che l’ultima statistica conferma: ovvero che la stagione 2016 è stata positiva". Ceccarelli entra poi nello specifico: "Il 2015, rispetto al quale vengono calcolate le variazioni percentuali dell’anno in corso, ha rappresentato, dopo un buon 2014, un anno ‘boom’ sotto diversi punti di vista, in particolar modo in luglio ed in agosto, cui va aggiunto l’exploit nelle presenze di settembre. Chiaro che mantenere il passo rispetto a una stagione così positiva rappresentava un obiettivo ambizioso: obiettivo raggiunto anche oltre le aspettative a giugno e a luglio 2016, mentre ad agosto si è fatta registrare anche a Bellaria Igea Marina quella flessione che diffusamente ha interessato tutte le costiere a noi vicine".

"Molto si è letto in queste settimane. Ciò che nessuno ha detto - sottolinea Ceccarelli - è che le oltre 710.000 presenze dell’agosto 2016 rappresentano una delle migliori performance degli ultimi anni, seconda solo ai 718.900 pernottamenti agostani dello scorso anno. Nell’agosto del 2010, tanto per intenderci, erano stati 675.000, con quota 700.000 di poco superata solo a partire dal 2013: siamo certi che i 710.000 turisti dello scorso agosto abbiano rappresentato la debacle che qualcuno ha tentato di dipingere? Ovviamente la risposta è no, e non era certo necessario attendere i dati di settembre per capirlo".
 
L’ultima statistica (gennaio-settembre 2016), tuttavia, dice cose interessanti: consegna a Bellaria Igea Marina il primato in Riviera per il nono mese dell’anno (presenze aumentate del 4,5 %, arrivi addirittura a + 19,4) e la consolida al primo posto per quanto attiene la permanenza media (5,7 giorni per ogni turista). Soprattutto, l’analisi conferma, nel complesso, come non solo la città sia riuscita a pareggiare la performance del 2015 in fatto di pernottamenti (da inizio 2016, oltre 2.125.000), ma l’abbia migliorata di quasi un punto percentuale negli arrivi (ad oggi, 367.670). Un risultato tale da indurre il sindaco, come fatto nell’ultimo Consiglio comunale, a un lapidario "Metterei la firma per altre dieci stagioni come quella del 2016".
 
“Anche a costo di essere noiosi - conclude - ribadiamo l’invito ad analizzare la statistica su lunghi periodi, ancor meglio se su scala pluriennale, poiché è nel lungo periodo che i flussi turistici emettono le proprie sentenze rispetto alla strategie e alle scelte promozionali compiute da un territorio. Il gioco dei più e dei meno – in cui è sufficiente, ad esempio, una settimana di maltempo per far saltare il banco - è materia buona per speculazioni da cui, da sempre, ci teniamo lontani. Un’analisi superficiale che da’ la possibilità a tutti, a turno, di poter cantare vittoria. E qualche volta, come visto nelle ultime settimane a Bellaria Igea Marina, induce a strumentalizzazioni che possono essere smascherate senza troppa fatica".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turisti a Bellaria, il sindaco: "Metterei la firma per altre dieci stagioni come quella del 2016"

RiminiToday è in caricamento