Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Poesia a domicilio, luci, presepi e alberi: Santarcangelo annuncia le iniziative per Natale

Quasi due mesi dedicati a eventi culturali, sociali e ambientali e un nuovo albero in omaggio a Tonino Guerra. L'amministrazione investe 100mila euro per sostenere le iniziative natalizie

Anche quest’anno, nonostante le condizioni straordinarie imposte dalla pandemia, l’Amministrazione comunale di Santarcangelo coordina un ricco programma di eventi per il periodo natalizio. Oltre 100.000 euro la spesa complessiva impiegata per sostenere le iniziative culturali, sociali e ambientali, senza dimenticare la promozione turistica e il supporto al commercio locale, in un momento difficile segnato dall’emergenza sanitaria. Quasi due mesi dedicati alle iniziative natalizie, dal 28 novembre al 20 gennaio.

La magia delle luci di Natale

Inaugurazione sabato 28 novembre
Leggere i versi dialettali dei poeti santarcangiolesi passeggiando lungo viale Marini e viale Faini fino a raggiungere il borgo storico accolti dalle più tradizionali luminarie natalizie. Per le festività 2020 Santarcangelo rilancia, ampliando le vie e le strade dove risplendono le luci di Natale: dagli alberi di piazza Ganganelli alle vie che si snodano dal Combarbio fino a risalire verso il centro storico alto. Anche quest’anno non mancheranno di essere coinvolte le frazioni, dove arriverà la chiocciola luminosa simbolo di Cittaslow.

I presepi
Oltre alla natività collocata sotto l’Arco Ganganelli, quest’anno a Santarcangelo si potrà ammirare anche il grande presepe meccanico realizzato nel 2019 dall’Associazione Folclore Gambettolese che riproduce, come scenografia, piazza Monache. Un presepe che la città dedica a Giuliana Rocchi, la poetessa delle contrade. Nel rispetto delle normative per contrastare la diffusione del Covid-19, infatti, l’Amministrazione comunale sta individuando uno spazio adeguato dove ospitare il grande presepe visto da migliaia di persone lo scorso Natale a Gambettola.

Nel segno della poesia
In ogni caso, sarà un Natale nel segno della poesia quello di Santarcangelo: dalle poesie a domicilio al percorso dei poeti fino al nuovo albero in piazza Molari, molto di quanto accadrà durante le festività natalizie sarà riconducibile a Santarcangelo Città della Poesia.

L’albero di Natale dedicato a Tonino Guerra
Inaugurazione sabato 12 dicembre. Nell’ambito delle iniziative per celebrare i cento anni dalla nascita di Tonino Guerra, Santarcangelo rende omaggio al poeta con un nuovo albero di Natale collocato in piazza Rino Molari. Ideato e progettato dall’architetto Manolo Benvenuti, l’albero raccoglierà i pensieri di Tonino Guerra rappresentati graficamente dall’artista Massimo Modula. Santarcangelo rinnova, dunque, il suo albero di Natale più rappresentativo, quello collocato sulla macina del Combarbio: l’EcoAlbero, infatti, verrà ricollocato in un nuovo spazio per lasciare il posto a una struttura in legno e tela in grado di ospitare una dedica a Tonino da parte della sua città natale.

L’era un béus, Poeti alle finestre
Inaugurazione sabato 19 dicembre: Il percorso dei poeti
Per dare volto e suono alle parole dei poeti inscritte nelle luminarie delle vie centrali si deve risalire nelle contrade più appartate e poco illuminate. Occorre raggiungere la poesia nel luogo del silenzio, nel fondo di una torre che un tempo fu luogo di detenzione per evocare le parole di libertà di Tonino Guerra, o nello studio dismesso e buio del ceramista Lucio Bernardi – un tempo cenacolo di pittori e poeti di Santarcangelo – con i versi di Nino Pedretti, giungendo infine davanti al grande palazzo Docci, luogo ideale per il riposo degli spiriti amabili nelle poesie di Raffaello Baldini.
Le voci dei poeti usciranno dalle finestre di quei luoghi carichi di memoria, per raggiungere passanti e contrade. Per armonizzare la presenza dei tre inquilini d’eccezione i versi poetici pronunciati dalla viva voce dei poeti saranno mediati nel disegno di sette artisti illustratori: Roberto Ballestracci, Elettra Campana, Eron, Lorenzo Kamerlengo, Elisa Mossa, Francesco Ruggeri, Nicolò Vasini. Al progetto collaborano anche la Scuola del libro di Urbino e l’Associazione Almanimatori.

Poesie a domicilio
Lunedì 21, martedì 22, mercoledì 23 dicembre
Porta Poetica è un’azione urbana con i giovani che partecipano ai laboratori di avvicinamento all'arte dell'attore a cura di Isadora Angelini e Luca Serrani di Teatro Patalò. Dopo l’edizione di settembre, Cantiere poetico si presenta in versione natalizia: Porta Poetica assume in questo caso il significato di dono: cittadini che donano poesie ad altri cittadini. Un delivery poetico, dunque, che permette di consegnare a domicilio le poesie che si desidera recapitare, come un dono, a casa di altri cittadini, amici e parenti. I ragazzi e le ragazze sceglieranno una poesia imparandola a memoria. La sceglieranno fra quelle di molte poetesse e poeti e decideranno di tenerla con se?. Ci passeranno del tempo, la proveranno e riproveranno, in solitudine.
Come verrà portato il dono?
Arrivati alla porta di casa di estranei, dovranno trovare il coraggio per suonare e decidere se scappare o restare, se consegnare una busta senza parlare oppure se tentare l'atto più avventato: recitare i versi sulla soglia. Sara? un regalo a uno o più sconosciuti. Sara? un regalo a sé stessi. Sara? un regalo segreto al mondo. Un incontro privato con la parola poetica, da solo a solo, che si fa azione collettiva e, finalmente, pubblica.

Un Natale solidale
Non essendo possibile organizzare le attività in presenza che negli scorsi anni avevano caratterizzato il calendario degli eventi della Consulta del Volontariato, la vocazione sociale del Natale di Santarcangelo si rivolge all’approfondimento di alcuni temi particolarmente attuali.

Incontro con Nicolò Govoni
Lunedì 30 novembre
L’Amministrazione comunale aderisce al tour online di presentazione del volume “Attraverso i nostri occhi”, libro fotografico scritto da Nicolò Govoni, Nicoletta Novara e dagli studenti di Mazí, la scuola di Still I Rise per ragazzi profughi sull’isola di Samos. Alle ore 9 l’autore presenterà il libro agli studenti dell’Itse Rino Molari, mentre nel pomeriggio (alle ore 18,30) è prevista la video conferenza dedicata all’Emilia-Romagna, alla quale l’Amministrazione comunale di Santarcangelo invita la cittadinanza a partecipare.
Nicolò Govoni, classe 1993, è uno scrittore e attivista per i diritti umani originario di Cremona. Presidente e direttore esecutivo dell’organizzazione no-profit Still I Rise, che ha aperto scuole in Grecia, Turchia, Siria e Kenya, nel 2020 è stato nominato al Premio Nobel per la Pace.

Tavola rotonda sulla responsabilità sociale d’impresa
Giovedì 3 dicembre
In un’epoca di radicali cambiamenti economici e sociali, anche le imprese si trovano ad affrontare nuove sfide dal punto di vista dell’organizzazione del lavoro e del benessere dei propri collaboratori: la tavola rotonda “Il coraggio al tempo delle sfide” intende approfondire proprio questi argomenti. Dalla “smart organization” alla condivisione di valori comuni, dalla centralità della persona nell’ambiente di lavoro fino ai temi dell’innovazione, dei giovani e dell’internazionalizzazione, l’incontro vedrà confrontarsi numerosi ospiti sul ruolo sociale dell’impresa nel mondo di oggi. L’iniziativa fa parte del progetto “Un futuro possibile: riflessioni su una società inclusiva e sostenibile”, realizzato dalla Cooperativa Fratelli è Possibile in partenariato con i Comuni di Poggio Torriana e Santarcangelo, con il contributo della Regione Emilia-Romagna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poesia a domicilio, luci, presepi e alberi: Santarcangelo annuncia le iniziative per Natale

RiminiToday è in caricamento