Derby Rimini-Cesena, per l'aggressione agli stewards denunciati tre ultras e Daspo in arrivo

I tifosi hanno minacciato, offeso e aggredito gli addetti, fino a riuscire a fare aprire forzatamente uno dei cancelli d'uscita

Per le aggressioni commesse allo stadio Romeo Neri duranti il derby tra Rimini e Cesena gli uomini della Digos della Questura di Rimini, al termine dell’attività d’indagine svolta con l'Ufficio della Questura di Forlì-Cesena, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, hanno indagato tre ultras cesenati: un 38enne, residente a Riccione, già sottoposto a Daspo per reati commessi in ambito sportivo, un 30enne residente a Longiano, con precedenti penali, un 28enne, residente a Bertinoro, anche lui già sottoposto a Daspo per reati commessi in ambito sportivo. Lo scorso 20 ottobre, al termine dell’incontro di calcio, nel settore dedicato ai supporters ospiti, hanno commesso atti violenti e minacciato il personale addetto al servizio steward.

Come da prassi negli stadi italiani, il deflusso della tifoseria ospite è disciplinato per consentire di gestire la movimentazione separata rispetto a quella locale. Così, gli steward, su disposizione del Dirigente del servizio di ordine pubblico, si erano posizionati davanti ai cancelli per comunicare ai 1300 cesenati giunti al Neri di Rimini di attendere alcuni minuti. In queste fasi, alcuni tifosi hanno iniziato a offenderli, fino a quando tra gli ospiti si sono fatti strada un gruppo di ultras bianconeri che ha iniziato a spingere e ad inveire sempre più pesantemente verso gli addetti fermi ai varchi. In un attimo la violenza è aumentata tanto che uno steward è stato colpito con una manata in faccia  c'è stata l'apertura forzata dei cancelli della Curva Ovest.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’impianto di videosorveglianza del Romeo Neri e le telecamere del personale di Polizia Scientifica hanno consentito agli operatori di Polizia della Digos di ricostruire l’accaduto ed individuare i responsabili. Dall’analisi dei filmati prodotti e dalle testimonianze degli stewards, personale della Sezione Squadre Tifoserie delle Digos di Rimini e Forlì-Cesena hannp svolto indagini approfondite che hanno consentito di identificare i 3 ultras cesenati e riconoscerli responsabili di precisi reati per aver usato violenza e minaccia nei confronti degli stewards, incaricati di impedire l’immediata uscita dei tifosi cesenati dal proprio settore per ragioni di ordine pubblico, spingendo e proferendo parole di avvertimento, fino a costringerli ad aprire il cancello.
Nei confronti deii tre indagati sarà avviato il procedimento amministrativo per l’irrogazione dei Daspo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento