rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Dieci volontari a supporto di biblioteca, musei e teatri. Partite le attività del Servizio civile

Dieci in tutto i volontari, che hanno un’età compresa tra i 19 e i 30 anni

Lunedì, 11 luglio, la sindaca Alice Parma ha salutato i ragazzi e le ragazze del Servizio civile universale 2022 che da qualche giorno hanno iniziato la loro attività presso biblioteca, musei e Santarcangelo dei Teatri. Dieci in tutto i volontari, che hanno un’età compresa tra i 19 e i 30 anni. Miriam Giuseppina Cambareri e Riccardo Serafini i due ragazzi più giovani, entrambi di 19 anni, che insieme a Elisa Gianotti (29 anni), partecipano al progetto “Biblioteche luoghi per la democrazia” e collaborano con gli operatori della Baldini nelle attività di informazione e consulenza sul patrimonio librario, di organizzazione di eventi culturali e di iniziative di alfabetizzazione digitale.

Hanno rispettivamente 25 e 26 anni Sofia Marangoni e Marco Gardini che – nell’ambito del progetto “Connessioni culturali: musei, teatri e patrimonio” – presteranno servizio presso Musas e Met in attività per la valorizzazione del patrimonio museale, con una particolare attenzione alle iniziative culturali dedicate all'età giovanile, alle offerte didattiche per le scuole e alla digitalizzazione degli archivi.

Quattro, invece, i ragazzi e le ragazze selezionati da Santarcangelo dei Teatri nell’ambito del progetto “Teatro e cultura per riprenderci il futuro”. Jacopo Corbelli (26 anni), Elisa Diodovich (28 anni), Elisa Mariotti (27 anni) e Francesca Volpato (27 anni) collaboreranno nelle attività di comunicazione, archiviazione e catalogazione dei materiali, programmazione di spettacoli, rassegne e residenze creative, progettazione e realizzazione di laboratori per ragazzi.

Ha 19 anni, infine, Urgela Liko, selezionata per il progetto “Sportelli digitali, cittadini connessi” dello Sportello al cittadino con l’obiettivo di potenziare i servizi di facilitazione digitale, garantendo a tutti pari opportunità di accesso e mettendo i cittadini in condizione di usufruire dei portali e dei servizi digitali degli enti pubblici, in modo agevole e progressivamente autonomo. Tra le attività principali previste per la nuova figura del Servizio civile digitale introdotta dall’ultimo bando nazionale, il supporto ai cittadini nell’utilizzo delle tecnologie digitali – in particolare per l’attivazione di Spid e l’utilizzo dei servizi online – e la collaborazione in apposite azioni di comunicazione.

Queste le parole con cui la sindaca Alice Parma ha salutato i ragazzi e le ragazze del Servizio civile: “Vi ringrazio per aver scelto di impegnarvi e partecipare attivamente alla vita della città intraprendendo un percorso che sicuramente condurrà a un arricchimento reciproco e a un’esperienza estremamente positiva sia per l’Amministrazione comunale che per voi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieci volontari a supporto di biblioteca, musei e teatri. Partite le attività del Servizio civile

RiminiToday è in caricamento