menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dipendente delle Poste si intascava i soldi delle raccomandate, denunciato dalla Postale

Un 47enne riminese è accusato di peculato e falso per aver fatto sparire dalla cassa il denaro. A tradire l'uomo è stato un controllo contabile fatto nell'ufficio di via Euterpe

Dovrà rispondere di peculato e falso un 47enne riminese, dipendente delle Poste e in forza all'ufficio di via Euterpe, accusato di essersi intascato i soldi delle raccomandate. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti della polizia Postale, nel 2013 l'uomo avrebbe in più occasioni fatto sparire dalla cassa il denaro ricevuto dai clienti per inviare la posta per un totale di circa 2500 euro. In oltre, approfittando della sua posizione, avrebbe anche falsificato un bollettino postale di pagamento a lui intestato e di poche decine di euro. A scoprire gli ammanchi di cassa, alla fine dello scorso anno, è stato un controllo contabile fatto nella filiale.

Il diretto interessato, da parte sua, intende replicare che l'ammanco di cassa non esisterebbe e che sarebbe stato contabilizzato sotto altra voce; comunica inoltre alla redazione di avere in corso una vertenza legale di lavoro con l'azienda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento