Galli: "Sarebbe stata un'estate di grande musica e balli, apre solo chi ha spazi aperti"

Il patron di Altromondo e Cocoricò: "I miei due locali rimarranno chiusi, come settore abbiamo perso un anno intero"

Il mondo della notte è pronto a riaprire e se dal 15 giugno ripartiranno le discoteche, con tutta una serie di regolamenti ferrei per le norme anti-covid, alcuni titolari hanno deciso di lasciare chiuse le porte dei loro locali. Enrico Galli, patron dell'Altromondo a Rimini e del Cocoricò di Riccione, lascerà spente le luci nelle due celebri discoteche della Riviera. "Da quello che ho capito - spiega l'imprenditore - le riaperture riguardano solo i locali che hanno spazi all'aperto mentre i miei sono al chiuso. Alcuni miei colleghi sono pronti, con cene e spettacoli per ovviare all'impossibilità di ballare in pista, ma io ho deciso di restare chiuso. E' un peccato perchè, sulla carta, l'estate 2020 sarebbe stata di alto profilo per quanto riguarda la programmazione specie sulla collina di Riccione dove, oltre al Cocoricò, avrebbe riaperto anche il Prince. Purtroppo per questi locali di alto livello serve un cartellone artistico all'altezza e, a causa del lockdown, non è stato possibile programmare nulla con il risultato di non avere offerte da proporre ai turisti. Il nostro è un territorio che funziona grazie ai richiami di grandi nomi e, quindi, per quello che mi riguarda la stagione è buttata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sempre a causa dell'epidemia - prosegue Galli - al Cocoricò i lavori si sono dovuti bloccare completamente. Archiviata la mancata inaugurazione prevista per Pasqua, adesso servono almeno 2 mesi per completare il cantiere. Per tornare a ballare sotto la piramide, norme permettendo, se ne riparlerà nel tardo autunno. Il nostro settore è uno di quelli che ha accusato più di tutti la crisi provocata dal Covid-19, come imprenditori abbiamo bisogno di aiuti per cercare di poter ripartire e offrire un divertimento sicuro ai nostri clienti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento