menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donato al "Franchini" un nuovo ecografo dall'associazione "Paolo Onofri"

E' stato inaugurato venerdì mattina all'Ospedale “Franchini” di Santarcangelo un nuovo ecografo donato all'Unità Operativa di Medicina dall'Associazione Santarcangiolese “Paolo Onofri”

E' stato inaugurato venerdì mattina all'Ospedale “Franchini” di Santarcangelo un nuovo ecografo donato all'Unità Operativa di Medicina dall'Associazione Santarcangiolese “Paolo Onofri”. Erano presenti il Commissario Prefettizio del Comune di Santarcangelo, Clemente Di Nuzzo, il direttore medico del presidio ospedaliero di Rimini-Santarcangelo-Novafeltria, Stefano Busetti, e il direttore dell'Unità Operativa Dottor Giorgio Ioli, anche in qualità di presidente dell'Associazione.

Tra il pubblico i consiglieri della “Paolo Onofri”, che già ha partecipato alla sottoscrizione per la donazione all’Ospedale clementino della Tac multistrato inaugurata alcuni mesi fa. Il nuovo ecografo, che sarà utilizzato anche nei poliambulatori, a loro volta di recente inaugurazione, è un Toshiba, modello XAMO SSA-660 A/LG con due sonde, uno dei più innovativi nel suo genere. E’ altresì dotato di software già predisposto per eseguire esami diagnostici su tutto il sistema circolatorio con circolazione sia arteriosa sia venosa accessibile, esami sulle parti molli (muscoli, articolazioni), su tiroide, addome, fegato, milza, pancreas, reni, vescica, prostata.

In futuro l’apparecchio potrebbe essere ulteriormente arricchito con sonda e software per esami cardiologici. “Si tratta di un tassello in più – ha specificato il dottor Ioli – che va ad innestarsi in un'offerta, dell'Ospedale santarcangiolese, già molto buona, e che si colloca a pieno titolo nella rete degli ospedali della provincia”. Tanto più che l'associazione sostiene tutta l'attività dell'Ospedale di Santarcangelo: sabato scorso, ad esempio, ha organizzato un convegno sulla senologia, giacchè al “Franchini” è attivo il polo senologico provinciale, con l'Unità Operativa di Chirurgia e l'apparecchiatura Iort per la radioterapia intraoperatoria: ve ne sono 4 in tutta la regione.

L’apparecchio inaugurato oggi, del costo di oltre 32mila euro, sarà utilizzato sia per esami di specialistica ambulatoriale (prenotabili a Cup) sia per i pazienti ricoverati. Il dottor Busetti ha peraltro sottolineato che “questo nuovo ecografo va ad accrescere il 'parco macchine' dell'Ospedale di Santarcangelo, che è tutt'altro che disprezzabile, e che contribuisce al fatto che tale presidio è e resterà una realtà di riferimento importante”.

Di Nuzzo ha voluto a sua volta pubblicamente plaudire all'Associazione “Paolo Onofri”: “Da quando sono commissario a Santarcangelo – ha detto – mi sono occupato anche di temi sanitari, e in quell'ambito ho potuto constatare che l'associazione è molto presente, e rappresenta una bella interfaccia tra la società civile e l'Azienda USL”, e più in generale “a Santarcangelo ho incontrato diverse realtà del volontariato che svolgono un importante ruolo di cerniera sociale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ecco i 3 momenti della vita in cui si ingrassa di più

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento