Doppio stupro, la Regione si costituisce parte civile: "La giustizia faccia il suo corso"

Così il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini commenta gli arresti degli autori delle efferate violenze. Anche il Comune di Rimini si costituirà parte civile nel processo

"Grazie davvero agli inquirenti e alle forze dell’ordine, alla Procura e al Questore di Rimini, per il brillante lavoro investigativo che in pochi giorni ha permesso di assicurare alla giustizia i quattro presunti responsabili delle brutali aggressioni avvenute la settimana scorsa a Rimini”. Così il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini commenta gli arresti degli autori delle efferate violenze. “Ora che i presunti colpevoli sono stati individuati e fermati, mi auguro che la Giustizia faccia rapidamente il suo corso e, come annunciato subito dopo i gravissimi episodi, confermo che la Regione Emilia-Romagna si costituirà parte civile nell'ambito del processo".

"Con la cattura del quarto giovane accusato della terribile aggressione subita la scorsa settimana dai due ragazzi polacchi e dalla trans peruviana, Rimini si sveglia da un incubo durato otto giorni". L’amministrazione comunale, a nome di tutta la comunità riminese, esprime un grande ringraziamento e i più sinceri complimenti alla Polizia di Rimini, alla Squadra Mobile, al questore Maurizio Improta, alla Procura e a tutti coloro che a vario titolo hanno collaborato alle indagini e alla riuscita in tempi rapidi dell’operazione, dopo oltre una settimana di lavoro incessante, difficile e senza tregua, con l’unico obiettivo di consegnare alla giustizia gli autori di un crimine tremendo, che ha sconvolto nel profondo tutta la comunità. "La giovanissima età dei quattro responsabili di questa notte di violenza improvvisa e inaudita non può che alimentare il turbamento per un episodio che ha segnato forse in maniera indelebile la vita di tre vittime incolpevoli e che ha inferto una ferita dolorosissima alla nostra città - commentano dal Comune - Attendiamo ora gli sviluppi della vicenda per capire nei dettagli quale sia stata la precisa dinamica di quanto accaduto, con la ferma convinzione che non esistano attenuanti per un atto di ferocia così efferata e senza senso, e rinnovando la volontà dell’amministrazione comunale di costituirsi parte civile nel momento in cui comincerà il processo nei confronti dei quattro responsabili di questo crimine disumano”".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento