menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga, lettera a Renzi delle associazioni: "Si continui col lavoro già fatto"

In una lettera al nuovo Governo un nutrito gruppo di Comunità, Associazioni di Volontariato e Società Scientifiche e Professionali che operano nel campo della tossicodipendenza, chiedono di dare continuità e progressivo sviluppo alle azioni e alle strategie intraprese negli ultimi anni

In una lettera al nuovo Governo un nutrito gruppo di Comunità, Associazioni di Volontariato e Società Scientifiche e Professionali che operano nel campo della tossicodipendenza, chiedono di dare continuità e progressivo sviluppo alle azioni e alle strategie intraprese negli ultimi anni dal Dipartimento per le Politiche Antidroga, basate su un approccio centrato sulla persona e sul suo recupero e non sulla convivenza e cronicizzazione della tossicodipendenza. «È auspicabile – si legge nella lettera, integralmente sul sito www.sanpatrignano.org – che in Italia si continui a supportare il “nuovo corso” attivato da qualche anno, che contrariamente ai precedenti non è stato condizionato da approcci ideologici e politicizzati, perseguendo con determinazione strategie e interventi antidroga».

Le Comunità e le Associazioni danno atto dello sforzo fatto in questi anni dal Dipartimento per far sistema e per valorizzare tutte le varie realtà operanti sul territorio. Un impegno premiato da risultati importanti: oltre 350 progetti, sia nel campo della prevenzione precoce che della riabilitazione, sono stati varati e finanziati con un coinvolgimento di oltre 300 organizzazioni pubbliche e del privato sociale, mentre ben 19 siti internet informativi nati per impulso del Dipartimento e orientati soprattutto ai giovani hanno raggiunto oltre 3 milioni di contatti all’anno.

Chiaramente espresso quindi un desiderio di continuità per il lavoro del DPA e dell’attuale direttore dottor Giovanni Serpelloni. Tra le altre richieste avanzate nella lettera anche la valorizzazione dei 664 Sert e delle oltre 1000 comunità terapeutiche già attivi sul territorio, un rifiuto deciso della strada della legalizzazione della cannabis, un’implementazione delle campagne d’informazione e dei finanziamenti per la lotta alla droga, da rendere disponibili mediante progetti nazionali controllati e verificabili dal DPA nella loro reale efficacia e nel corretto utilizzo dei fondi pubblici.

Le Comunità e le Associazioni firmatarie sono: Associazione Italiana per la cura delle Dipendenze Patologiche (Acudipa) Roma con le sue 15 sedi regionali, Comunità San Patrignano e le 36 Associazioni territoriali regionali, Associazione Flap-Roma, Associazione Crescere Pescara - Foggia, Comunità S. Maurizio - Borghi (FC), Associazione S. Maurizio - Borghi (FC), Comunità Agape - Piemonte, Comunità terapeutica Artlabor - Foggia, Comunità Incontro Amelia (TN) con le sue sedi italiane, Comunità In dialogo-Trivigliano (FR) con le sue sedi italiane, Comunità Martinelli - Agrate Brianza (MB), Comunità Mondo Nuovo - Civitavecchia (RO) con le sue sedi italiane, Comunità terapeutica il Delfino-Taranto, Comunità Papa Giovanni XXIII, Casa del Giovane - Pavia, Comunità terapeutica Il Risorto-Taranto, Comunità terapeutica Airone - Taranto, Comunità terapeutica Pars-Corridonia (MC), Comunità terapeutica Spazioesse - Loseto (BA), Coop. Coss - Roma, Cooperativa Gruppo Valdinievole, Cooperativa Comunità Artlabor - Foggia, Coordinamento Nazionale Professionisti e Operatori dei Sert. Acudipa, Fondazione Villaggio del fanciullo - Ravenna, Comunità terapeutica Promozione Umana - S. Donato Milanese, Associazione Dianova Onlus, Movimento Moige, Associazione Age.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento