Due giovani riminesi ordinati diaconi: Francesco va a Roma e Davide a Colonia

Sabato, alle 15.30 nella basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, il Cardinale Stanisław Ryłko, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, ordinerà un sacerdote e sei diaconi. Due di questi sono riminesi

Francesco Facchini

C’è chi andrà a Mosca e chi a Torino, chi andrà a Colonia e chi resterà a Roma. Tutti andranno comunque in missione e vivranno in una casa con altri sacerdoti, perché questi sono i due pilastri della Fraternità San Carlo: missione e vita comune.  Sabato, alle 15.30 nella basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, il Cardinale Stanisław Ryłko, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, ordinerà un sacerdote e sei diaconi. Due di questi sono riminesi. Si tratta di Francesco Facchini e Davide Matteini.

Francesco Facchini è nato a Rimini il 27 marzo 1985, ultimo di 4 figli. Ha studiato al liceo scientifico A. Serpieri poi si è laureato a Bologna in Economia e Commercio. Nelle stagioni estive ha sempre lavorato come cameriere o aiuto cuoco. Nel settembre 2008 è entrato nel seminario della Fraternità San Carlo dove ha svolto due anni di studi di filosofia prima di un anno di missione in Portogallo. Poi gli studi in teologia. Nell'estate del 2013 ha vissuto nella casa di Taipei per studiare cinese. Oggi è segretario particolare del superiore generale.

Davide Matteini è nato a Cesena il 31 luglio 1982, secondo di tre fratelli. Vive per 4 anni a Cervia poi si trasferisce a Rimini dove studia al liceo classico Karis. Dopo la maturità studia ingegneria gestionale a Bologna dove si laurea nel 2007. Per un anno lavora alla Scm, azienda che costruisce macchine per la lavorazione del legno. Nel 2008 entra in seminario e durante il periodo di formazione svolge, nel 2010-2011, un anno di missione a Colonia, che è ora la sua destinazione dopo l’ordinazione diaconale.


“I padri della nostra Fraternità, don Giussani e don Massimo Camisasca,ci hanno insegnato – ha affermato don Paolo Sottopietra, superiore generale della Fraternità san Carlo - il contenuto vero della vita di un uomo: comunione, amicizia, vocazione, libertà, gratuità, dono di sé. Ci hanno mostrato la bellezza dell’obbedienza, della preghiera, ci hanno comunicato la passione per tutto ciò che di positivo c’è nel cuore dell’uomo e nella vita dei popoli, ci hanno educato ad una compassione piena di rispetto per il dolore, l’errore e il peccato che legano le esistenze di tante persone. Noi partiamo dalla nostra casa di Roma per vivere con tutti queste esperienze, per dire che Cristo è vivo e ci viene incontro oggi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento