Due ladri nella rete degli agenti della polizia di Stato

Uno è stato arrestato per il furto di una bicicletta mentre l'altro per quello di due capi di abbigliamento

E' di due ladri finiti in manette il bilancio della giornata di giovedì per il personale della polizia di Stato di Rimini. Il primo ad essere arrestato è stato un senegalese 27enne che, in via Dario Campana, aveva rubato una bicicletta. Lo straniero, verso le 14, era saltato in sella alla due ruote per poi fuggire a tutta velocità inseguito dal proprietario e dal padre. Nella foga, lo straniero è andato a schiantarsi contro una vettura che sostava lungo strada ed è volato sull'asfalto. Raggiunto dai proprietari, il 27enne ha iniziato a dare in escandescanza con calci e pugni che hanno raggiunto il ragazzo che ceercava di bloccarlo. sul posto è accorsa una pattuglia delle Volanti con gli agenti che, non senza fatica, sono riusciti ad ammanettare il senegalese e a portarlo in Questura con l'accusa di tentata rapina.

Verso le 20, invece, il personale del 113 è intervenuto nel centro commerciale "Le Befane" dove il personale di sicurezza aveva bloccato una ladra. La donna, dopo essersi aggirata tra gli scaffali, si era impossessata di due giubbotti del valore complessivo di 100 euro e, dopo aver rimosso l'antitaccheggio, li aveva nascosti cercando di guadagnare l'uscita. Fermata dagli addetti della sicurezza, il maltolto è stato ritrovato nella borsa della ladra che è stata quindi arrestata per furto aggravato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento