Cronaca

Durante il coprifuoco al volante di una vettura rubata, si spaccia per il fratello per evitare la multa

Giornata di controlli del territorio per i carabinieri della Compagnia di Rimini, sei le persone finite denunciate a piede libero

Giornata di controlli per i carabinieri della Compagnia di Rimini che, oltre a presidiare il territorio, hanno vigilato sul rispetto delle normative per il contenimento dell'epidemia di Coronavirus. Il bilancio finale ha visto 6 persone finire denunciate a piede libero. Tra queste spicca un 54enne di origini napoletane e residente a Riccione fermato, all'alba di mercoledì, da una pattuglia della Stazione di Miramare. I militari dell'Arma, al momento del controllo non solo hanno scoperto che la Fiat Punto su cui viaggiava era stata rubata ai primi di gennaio ma che il 54enne in un primo momento aveva fornito le generalità del fratello residente a Rimini con la speranza di non essere sanzionato per essere uscito dal comune. Oltre alla denuncia per ricettazione, l'uomo è stato deferito anche per false generalità. Dovrà invece rispondere di furto aggravato una coppia di romeni, lui 46enne e lei 35enne, che nel pomeriggio di martedì ha approfittato della distrazione di una signora per soffiarle del denaro. La vittima, secondo quanto emerso, stava effettuando un prelievo a un bancomat quando è stata interrotta da una telefonata. Nel rispondere al cellulare la signora non ha preso le banconote dallo sportello e, i due malviventi, ne hanno approfittato per farle sparire. La derubata ha chiamato i carabinieri che, arrivati sul posto, hanno convito gli stranieri a restituire i contanti oltre che a denunciarli.

Denunciato per detenzione ai fini di spaccio un 40enne riminese, già noto alle forze dell'ordine, fermato da una pattuglia del Radiomobile per un controllo. Visto il nervosismo dell'uomo, i carabinieri hanno provveduto a perquisirlo e nelle sue tasche sono spuntati 10 grammi di marijuana. Dovrà invece rispondere di posto abusivo di armi un 53enne di Montecolombo che, fermato a Viserba nel pomeriggio di martedì, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico. Sempre a Viserba i carabinieri hanno fermato un Fiat Doblò che procedeva lungo via Tolemaide e il guidatore, un 50enne artigiano tecnico degli impianti di climatizzazione, è stato trovato ubriaco al volante. Sottoposto al'etilometro ha fatto segnare un tasso alcolemico pari a 1,6 g/l che gli è valso la denuncia per guida in stato di ebbrezza. L'uomo è stato deferito all'autorità giudiziaria anche perchè guidava nonostante la patente gli fosse stata revocata.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Durante il coprifuoco al volante di una vettura rubata, si spaccia per il fratello per evitare la multa

RiminiToday è in caricamento