Edilizia, il sindacato chiede misure e più sicurezza per gli operai che lavorano sotto il sole

"Se il caldo è eccessivo bisogna garantire pause, acqua fresca e integratori e, se necessario, il ricorso alla cassa integrazione come si fa in inverno"

Una borraccia d’acqua fresca consegnata agli operai, un gesto simbolico per rimarcare, anche in queste settimane di calura estiva, quanto sia importante lavorare in sicurezza. A intervenire sul tema è Renzo Crociati, segretario generali Fillea Cgil di Rimini. "Proprio il 29 gennaio di un anno fa moriva un lavoratore edile di 60 anni, vittima di un colpo di calore mentre lavorava sul tetto in un cantiere a Santarcangelo di Romagna. Un dramma che vorremmo non si ripetesse più. L’edilizia è un settore ad alto rischio per l’incolumità degli operai e solo nell’ultimo mese e mezzo ha fatto registrare nella provincia di Rimini 3 infortuni di cui uno mortale. In questo periodo i lavoratori delle costruzioni stanno lavorando a ritmi incessanti per recuperare il tempo di interruzione dei lavori dovuti all’emergenza sanitaria. Dunque, più che mai è necessario insistere sulle misure di prevenzione e sulla cultura della sicurezza ed è ciò che siamo impegnati a fare con la nostra presenza nei cantieri".

Continua Crociati: "Ritenendo necessario un maggiore coinvolgimento dei vari sistemi di controllo e vigilanza, abbiamo chiesto un confronto con l’Unità Sanitaria Locale per sollecitare ulteriori misure di prevenzione specifiche. Inoltre, come Fillea Cgil di Rimini abbiamo stampato e stiamo distribuendo nei luoghi di lavoro migliaia di volantini nei quali vengono fornite informazioni in merito ai diritti che può esercitare chi lavora e alle modalità per prevenire problemi di salute".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiosa il segretario generale: "Se il caldo è eccessivo bisogna garantire la salute dei lavoratori con pause lunghe, acqua fresca e integratori a disposizione e, se necessario, con l’interruzione del lavoro e il ricorso alla cassa integrazione come si fa in inverno per il maltempo. Sollecitiamo l’utilizzo di questo strumento nel territorio di Rimini dove troppo raramente viene preso in considerazione per quelle giornate che la Protezione civile indica con il ‘bollino rosso’, quando alle alte temperature si unisce l’elevato tasso di umidità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento