Educazione alimentare, concluso il progetto alla scuola primaria Decio Raggi

Si è concluso presso le classi terze della scuola primaria Decio Raggi di Rimini, il progetto "Biologi nelle scuole" promosso e finanziato dall'ENPAB, Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Biologi

Si è concluso presso le classi terze della scuola primaria Decio Raggi di Rimini, il progetto “Biologi nelle scuole” promosso e finanziato dall’ENPAB, Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Biologi. Il progetto ha interessato circa 100 scuole elementari in tutta Italia ed è stato strutturato per guidare i bambini in un percorso formativo, educativo e ricreativo allo scopo di promuovere la consapevolezza alimentare nel rispetto dell’ambiente, cercando di prevenire l’obesità infantile.

Attraverso lezioni frontali e laboratori interattivi i bambini hanno potuto imparare le regole della corretta nutrizione e della dieta mediterranea, l’importanza dell’attività fisica, l’organizzazione della spesa familiare, la lettura delle etichette, i metodi di conservazione e l’impatto ambientale ed idrico del nostro modo di alimentarci. È importante, inoltre, scegliere prodotti offerti dal territorio e stagionali per valorizzare la cultura gastronomica locale e limitare il consumo di bevande e prodotti confezionati che contengono elevate quantità di zuccheri e grassi.

Il progetto, coordinato dalle biologhe nutrizioniste Annalisa Taccari e Mirella Pellegrini, ha cercato di favorire l’educazione nutrizionale ed alla salute anche attraverso sportelli di ascolto per i genitori,
affermando il ruolo centrale della scuola nella vita familiare. Sono numerose le evidenze che testimoniano la necessità di un intervento diretto a prevenire e migliorare il quadro di salute a partire dall’età scolare. Secondo le indagini dei sistemi di sorveglianza nazionale, l’Italia ha uno dei più alti tassi di obesità infantile fra i paesi occidentali e le percentuali sono raddoppiate nell’ultimo decennio. Genitori, docenti, nutrizionisti e pediatri possono quindi collaborare in sinergia per educare il bambino ad uno stile di vita corretto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento