Energia: parere favorevole all’adesione del Comune di Rimini a Uniatem

L’assessore Brasini: “maggior controllo del pubblico su un servizio fondamentale come la distribuzione del gas”

La V e la I commissione consigliare in seduta congiunta hanno dato  parere favorevole questa mattina all’adesione del Comune di Rimini a Uniatem, l’associazione senza scopo di lucro che sarà costituita da circa 25 comuni italiani capifila (stazioni appaltanti) dei rispettivi ambiti territoriali minimi (a.te.m.) per la distribuzione del gas. Scopo principale di Uniatem sarà quello di coordinare tra loro ed assistere i comuni capifila nella predisposizione e nello svolgimento delle rispettive gare d’ambito per la concessione del servizio di distribuzione del gas nei rispettivi a.te.m. che essi, proprio in qualità di capifila, dovranno bandire. Altro ruolo fondamentale di Uniatem – che conta su amministratori che non ricevono compenso - sarà quello di assistere i Comuni nello svolgimento delle attività di monitoraggio dell’operato del nuovo gestore che sarà individuato con la gara, “andando quindi a potenziare il controllo pubblico – sottolinea l’assessore al Bilancio Gian Luca Brasini - su un servizio fondamentale per i cittadini quale l’erogazione del gas. Uniatem sarà quindi uno strumento di supporto al Comune di Rimini nello svolgimento dei numerosi e complessi compiti posti a carico dell’ente su una materia molto tecnica e di cui il pubblico finora non si è mai occupato in maniera specifica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’adesione a Uniatem comporterà costi minimi di adesione (mille euro una tantum per la costituzione del “fondo di dotazione”, 2.432 euro come  quota associativa per il 2016, che poi si assesterà negli anni a seguire per circa 2mila euro l’anno). Ben più consistenti invece i mezzi finanziari che il Comune avrà a disposizione: oltre ai 606 mila euro (già incassati per il 90%), dagli attuali quattro distributori del gas “uscenti” a titolo di “anticipo degli oneri della gara d’ambito” per la concessione del servizio di distribuzione del gas, è infatti previsto un ricavo di 170.000 euro all’anno per i 12 anni di durata dell’affidamento del servizio di distribuzione del gas dal gestore che si aggiudicherà la gara d’ambito. “Grazie a queste risorse – aggiunge l’assessore Brasini – sarà possibile andare a costituire insieme all’energy manager del Comune un ufficio che possa essere un presidio costante sul servizio gas e più in generale punto di riferimento per le politiche energetiche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento