Eroina a chili smerciata per Rimini, arrestati banda di pusher tunisini

I nordafricani rifornivano anche cocaina e hashish ai tossicodipendenti della città

I carabinieri di Rimini, nel corso dell'operazione "Simple", hanno smantellato una banda di nordafricani, tutti già noti alle forze dell'ordine, che rifornivano di eroina, cocaina e hashish i tossicodipendenti della città. Tra lunedì e martedì i militari dell'Arma hanno eseguito 13 ordinanze di custodia cautelare di cui, sette, in carcere, tre divieti di dimora nel comune di Rimini e 3 obblighi di firma. L'indagine era partita nel settembre del 2015 quando, nella notte tra il 4 e il 5, un tunisino era stato accoltelalto da altri due nordafricani, riportando ferite da taglio poi giudicate guaribili in 20 giorni, che gli avevano poi strappato la collanina d'oro e il cellulare. I malviventi erano stati fermati dopo pochi giorni e, ai carabinieri, quella rapina era sembrata particolarmente strana tanto che, dalle indagini, era poi emerso che si era trattato di un alterco per debiti di droga. 

carabinieri operazione simple 1-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' stato così possibile scoprire un vasto giro di stupefacenti gestito da un gruppo di tunisini che, nel corso delle indagini, ha visto gli inquirenti dell'Arma documentare almeno 200 cessioni di droga per un totale di 2,7 chili di eroina, 450 grammi di cocaina e 170 grammi di hashish tra i quartieri di San Giuliano e Miramare. Dei 7 arrestati, due sono risultati irreperibili mentre un terzo, un egiziano, è stato espulso dall'Italia nel dicembre dello scorso anno in quanto, finito nel carcere dei "Casetti" per varie rapine, aveva cercato di fare proselitismo per l'Isis. A finire in manette sono stati un 47enne, un 36enne, un 35enne e un 32enne. Nel corso delle perquisizioni domiciliari effettuate nelle abitazioni degli altri indagati ed eseguite con l’ausilio di un’unità cinofila antidroga del Nucleo Carabinieri di Torreglia (Pd), è stata denunciata una 30enne riminese, destinataria della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia Giudiziaria, trovata in possesso di 6 grammi di cocaina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento