Cronaca San Giuliano / Via Lucio Lando

Eroina e anabolizzanti, a smascherare lo spacciatore la lite con la ex fidanzata

Nell'appartamento trovato un vero e proprio stock di sostanze proibite e siringoni pieni di liquidi indefiniti e pronti per l’utilizzo

Nella mattinata di domenica il personale della polizia di Stato è intervenuto a San Giuliano mare dove, verso le 10, era stata segnalata un'animata lite in strada. Quando le Volanti sono arrivate in via Lucio Lando, tuttavia, tutto era già terminato e non trovando nessuno lungo la via gli agenti hanno notato un ragazzo affacciato al balcone. Il giovane, poi identificato per un riminese 23enne, ha ammesso di aver discusso poco prima con la sua ex ragazza ma che tutto si era risolto per il meglio. Il personale della Questura, però, ha voluto approfondire la situazione chiedendo al ragazzo di poter entrare nel suo appartamento. Dapprima riluttante, il 23enne ha poi acconsentito all'ingresso delle divise e, mentre mostrava i propri documenti, gli agenti hanno scorso su un tavolo un bilancino di precisione con delle tracce di polvere bianca. Insospettiti hanno chiesto che tipo di sostanza avesse pesato e, come scusa, il ragazzo ha spiegato di fare uso di anabolizzanti e di utilizzare il bilancino per miscelare le varie componenti. A riprova di quanto affermato, il 23enne ha mostrato un flaconcino di Nandrolone ma la storia non ha convinto gli agenti che hanno proceduto a perquisire l'appartamento.

Sono così spuntati diversi farmaci proibiti ai quali si sono aggiunti 9,25 grammi di eroina, 9,39 grammi di metadone, 253 grammi di anfetamina, 423 grammi di Mdma, un sacchetto contenente centinaia di capsule vuote gelatinose ad uso farmaceutico, flaconi in vetro sigillati privi di etichettatura, una confezione di testosterone e 5 grosse siringhe contenenti liquidi indefiniti e pronte per l’utilizzo. Nonostante il 23enne abbia giurato che l'intero stock era ad uso personale e che era stato acquistato in rete su un sito estero, per il giovane sono scattate le manette per detenzione e spaccio di stupefacenti e anabolizzanti. Portato in Questura, dopo una notte in camera di sicurezza è stato processato per direttissima lunedì mattina con il giudice che ha convalidato il fermo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eroina e anabolizzanti, a smascherare lo spacciatore la lite con la ex fidanzata

RiminiToday è in caricamento