Escalation di rapine, presa di mira due volte la storica piadinara di Rimini

I malviventi hanno messo a segno i colpi ai danni della Lella nei negozi di viale Rimembranze e di via Covignano

Ancora rapina a Rimini coi malviventi, molto probabilmente sempre gli stessi, che questa volta hanno preso di mira per ben due volte la storica piadinara riminese Lella. I rapinatori sono entrati in azione sia nel negozio di viale Rimembranze che in quello di via Covignano facendo man bassa di contanti. Il primo colpo è avvenuto due settimane fa e, a farne le spese, è stata la stessa titolare che una volta chiusa la piadineria è stata aggredita da uno sconosciuto che le ha strappato la borsa dove aveva riposto i soldi. Nonostante sia stato inseguito dalla donna, il malvivente è riuscito a fuggire facendo perdere le prorpie tracce. Sono stati invece due i rapinatori a entrare in azione in via Covignano, mercoledì sera verso le 22.30, impossessandosi dei 2500 euro in cassa. Questa volta sono arrivati in scooter, uno Scarabeo, e coi volti coperti dai caschi hanno minacciato i presenti che, spaventati, si sono rifugiati in cucina mentre i ladri, dopo aver scavalcato il bancone, si sono subito diretti verso la cassa e una volta arraffati i soldi sono scappati. In entrambi i colpi indaga la polizia di Stato e, gli inquirenti, stanno vagliando le immagini delle telecamere a circuito chiuso con la speranza di avere elementi utili dai fotogrammi per identificare gli autori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento