Esce dal negozio e viene fermato dai Carabinieri: "Lasciatemi andare". Loro lo controllano e trovano la refurtiva

Venerdì pomeriggio i Carabinieri della Stazione Rimini Porto, impiegati nel quotidiano servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto in flagranza, per il reato di furto aggravato, un 50enne bellunese

Proseguono i servizi di prevenzione e repressione dei Carabinieri di Rimini: i militari continuano a mantenere alta la guardia sul territorio, diversificando le modalità di intervento al fine di contrastare in maniera incisiva le varie fenomenologie di reato e fornire ai cittadini risposte il più concrete ed incisive. 

Venerdì pomeriggio i Carabinieri della Stazione Rimini Porto, impiegati nel quotidiano servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto in flagranza, per il reato di furto aggravato, un 50enne bellunese ma da anni residente nel riminese, già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo, sottoposto ad un controllo di polizia all’uscita di un negozio di articoli per la casa in via Marecchiese, ha da subito assunto un atteggiamento particolarmente agitato, dicendo di aver fretta e chiedendo ai militari di essere lasciato andare. Tale atteggiamento ha insospettito i Carabinieri che, d’intesa con la locale Autorità Giudiziaria, hanno dato corso a perquisizione personale conclusasi con esito positivo: nello zaino i Carabinieri rinvenivano svariati articoli per la cura della persona risultati provento di furto perpetrato pochi attimi prima all’interno del negozio.

Condotto in caserma, l’uomo non ha potuto fare altro che ammettere quanto contestato, restituendo la refurtiva, dal valore di circa 60 euro. Dichiarato in stato di arresto, lo stesso è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Rimini Principale in attesa della celebrazione del rito direttissimo. A seguito dell’udienza di convalida, l’arresto è stato convalidato ed all’uomo è stata applicata la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria in attesa della celebrazione della prima udienza dibattimentale che si terrà nel mese di aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Rimini rimane alta e costante sull’intera giurisdizione di competenza in considerazione del fatto che il fenomeno dei reati contro il patrimonio registra dati rilevanti che richiedono un’efficace e costante azione di contrasto al fine di rassicurare la cittadinanza ed incrementare la percezione di sicurezza. Pertanto continueranno con assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei Carabinieri per arginare il fenomeno delittuoso in questione" si legge in una nota.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento