Evasione fiscale, la Finanza sequestra il "Green Bar" di Riccione e altri beni per oltre 5 milioni

Il Tribunale di Rimini, Sezione Penale, ha emesso decreto di sequestro e confisca dei beni di un 45enne di Napoli già condannato, con patteggiamento, per aver commesso un delitto di tentata estorsione

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini continua a raccogliere i frutti del suo costante impegno investigativo nell’ambito del Progetto “Emmepi”, finalizzato, com’è noto, all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati, attraverso l’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniale sulla base di mirate indagini economico-finanziarie.  Quest’ultima operazione, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Rimini, Luca Bertuzzi, ha consentito, per la prima volta in Riviera, l’applicazione del Nuovo Codice Antimafia per un soggetto pregiudicato, ritenuto socialmente pericoloso anche in ragione di conclamate condotte illecite derivanti dall’evasione fiscale perpetrata negli anni.

Il Tribunale di Rimini, Sezione Penale, ha emesso decreto di sequestro e confisca dei beni di  un 45enne di Napoli già condannato, con patteggiamento, per aver commesso un delitto di tentata estorsione. In particolare, il Nucleo di Polizia Tributaria di Rimini, attraverso una capillare attività di intelligence e analisi operativa nel settore delle iniziative turistico-commerciali sulla costa romagnola, ha individuato l'uomo che, attraverso una srl a lui interamente riconducibile, gestisce il prestigioso “Green Bar” in viale Ceccarini a Riccione, rilevando in capo a al 45enne una profonda discrepanza (pari a circa un milione di euro) tra reddito dichiarato e patrimonio posseduto.

IL VIDEO DEL BLITZ

L'uomo, in particolare, aveva patteggiato una pena di due anni a seguito della condanna per una tentata estorsione, aggravata dall’uso dell’arma, realizzata in danno di un avvocato riccionese che patrocinava gli interessi dei proprietari dei locali dove ha tuttora sede il bar sequestrato e che avevano ottenuto un’ordinanza esecutiva di sfratto. Attraverso tali minacce aveva cercato di indurli a non dare seguito al provvedimento ovvero ad accettare le sue condizioni. In altre circostanze, in concorso con altri due pregiudicati campani, aveva addirittura esploso colpi di arma da fuoco contro la vetrina del negozio della moglie del legale. Anche per i rapporti con i suoi due complici, sottoposti, in altri procedimenti, a misure cautelari personali per aver commesso reati aggravati dal metodo mafioso, è stato ritenuto soggetto socialmente pericoloso e, dunque, passibile dell’applicazione della normativa antimafia.

Durante l’udienza tenuta in Camera di Consiglio davanti al Tribunale di Rimini, l'uomo ha tentato di giustificare la discrepanza tra reddito e patrimonio evidenziata dai finanzieri del Nucleo Polizia tributaria di Rimini, dichiarando di aver accumulato le illecite ricchezze attraverso ricavi della sua attività sottratti alla tassazione in forza di condoni tombali succedutisi nel periodo dal 1997 al 2003.

I giudici, accogliendo le tesi della Guardia di Finanza, nonché recependo l’indirizzo univoco della Suprema Corte di Cassazione, hanno respinto le pretestuose argomentazioni sottolineando nel provvedimento che tali circostanze appalesavano una proclività all’evasione e costituivano ulteriore, grave elemento di fatto per giudicare il  socialmente pericoloso, inserendolo tra coloro che vivono, anche in parte, con i proventi di attività illecite così come previsto dalla norma. In sostanza, affermando il concetto, da tempo sostenuto dalla Guardia di Finanza di Rimini, che la accertata pericolosità fiscale costituisce a pieno titolo “species” della  pericolosità sociale, sono state applicate le misure di prevenzione patrimoniali in ragione di condotte illecite abituali e ripetitive attinenti anche lo specifico settore fiscale.

Il Tribunale di Rimini, Sezione Misure di Prevenzione, emetteva dunque la misura ablativa disponendo il sequestro e la contestuale confisca delle quote della società che si occupa della gestione del “Green Bar” e di tutti beni strumentali della predetta azienda, nonché di un appartamento e di un garage ubicati nel centro di Riccione, di un motociclo di grossa cilindrata e di un’autovettura, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro. I beni saranno gestiti dall’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati alla Criminalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento