Non versano la tassa di soggiorno: due albergatori nel mirino del Comune

Nell'ultima seduta la Giunta comunale ha approvato di procedere con due proposte di querela nei confronti di altrettanti albergatori riminesi

Prosegue il lavoro dell’Amministrazione Comunale in sinergia con la Guardia di Finanza di Rimini sul fronte dell’evasione del versamento della imposta di soggiorno. Nell’ultima seduta la Giunta comunale ha approvato di procedere con due proposte di querela nei confronti di altrettanti albergatori riminesi che attualmente non hanno ancora provveduto al versamento dell’imposta relativa al 2013 e corrisposta dai loro ospiti, per un totale di 3.300 euro, nonostante le ripetute sollecitazioni da parte dell’Amministrazione. Per questo motivo, il Comune sporgerà querela all’Autorità giudiziaria ravvisando l’illecito penale di appropriazione indebita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza ha fatto il resoconto dell’importante attività di controllo che è stata messa in piedi – sottolinea l’assessore al Bilancio del Comune di Rimini Gian Luca Brasini – grazie alla collaborazione tra Fiamme Gialle, Amministrazione Comunale e Associazione Albergatori. Va comunque rilevato come elemento molto positivo il fatto che il numero di gestori che non corrispondono l’imposta di soggiorno è assolutamente minoritario rispetto all’elevatissimo numero di strutture alberghiere che contiamo a Rimini e la querela rappresenta l’ultimo atto di un percorso che vede l’Amministrazione, in sinergia con l’Associazione Albergatori AIA, presentare più solleciti ai gestori che risultano inadempienti alle scadenze. A fronte di questo poi molti regolarizzano per tempo la propria situazione. Ciò non toglie che questa attività sinergica sia importante per più di un motivo: in primis per garantire il principio di equità sul fronte del pagamento dei tributi, che sono risorse della comunità e per la comunità. In secondo luogo perché consente alla Guardia di Finanza e alle altre autorità deputate di raccogliere elementi per fare luce su alcune gestioni alberghiere poco chiare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento