Ex carabiniere nei guai, accusato di revenge porn per una serie di scatti hard

L'ex militare dell'Arma è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Ravenna

E' finito nel registro degli indagati della Procura di Ravenna un ex carabiniere 50enne, per anni in servizio a Rimini, con le accuse di minacce e diffusione illecita di immagini sessualmente esplicite che ritrarrebbero una 40enne ravennate. Secondo quanto emerso, tra i due sarebbe nata una relazione durante la quale la coppia si sarebbe cimentata in alcuni scatti a luci rosse. Nella coppia, però, qualcosa inizia ad andare storto e la signora avrebbe trovato conforto in un altro uomo. E' a ottobre che l'ex carabiniere, dopo aver iniziato a sospettare il tradimento, scopre che la 40enne ha un altro e riesce anche a trovare il numero del rivale. Sarebbe a questo punto che, secondo le accuse, il 50enne avrebbe inviato all'altro uomo gli scatti osè fatti alla ravennate per convincerlo che tra lui e la donna la relazione era più che solida. Un comportamento che, però, configura il nuovo reato di revenge porn ed è così che la 40enne venuta a sapere che sui cellulari dei due uomini passavano delle sue foto a luci rosse si è rivolta alla Procura denunciando l'ex militare dell'Arma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Ristoratore stroncato da un improvviso malore nella sua abitazione

  • Diminuiscono i nuovi contagiati. Venturi: "Faccio il tifo per Rimini, ha preso misure draconiane che danno risultati"

  • Coronavirus, verso il blocco totale almeno fino a Pasqua: poi si valutano riaperture in "due fasi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento