"Federico sarebbe contento di vedere queste facce della sua Rimini"

Cerimonia di commemorazione, al cimitero monumentale, per i 20 anni della scomparsa del Maestro. La nipote: "Sono felice che, a pochi metri dalla sua tomba, riposi anche don Oreste Benzi. E' una cosa che mi fa bene al cuore"

Una cerimonia intima, scandita dalle note della cornamusa e della tromba che hanno intonato le melodie che hanno reso immortali i film di Fellini, per commemorare il Maestro nel ventennale della sua scomparsa. Al cimitero monumentale, davanti alla "prua" di Arnaldo Pomodoro dove riposa Federico insieme alla sua Giulietta Masina e a loro figlio, una piccola folla di curiosi e di estimatori del regista insieme alla nipote, Francesca Fabbri Fellini, e al sindaco di Rimini, Andrea Gnassi. "Un anniversario, un ventennale per un uomo che è diventato patrimonio dell'umanità - ha esordito la nipote del Maestro. - Credo che l'idea di chiamare dei musicisiti, e suonare una cornamusa, a Federico sarebbe piaciuta. Oggi sarebbe stato molto contento di vedere queste facce della sua Rimini intervenire per ricordarlo davanti a questa importante opera di Pomodoro che rappresenta qualcosa di molto bello. A proposito di questo monumento, zio Sergio (Zavoli) si è sempre battuto per farlo girare verso il mare ma, a me, piace così com'è perchè è come se desse il benvenuto a chi vista il cimitero. Sapere, inoltre, che a pochi metri dai miei zii riposa anche un personaggio come don Oreste Benzi, mi fa bene al cuore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La forza che ci ha lasciato Fellini - ha concluso il sindaco Gnassi prima di deporre una corona di fiori sulla tomba del Maestro - è quella di far parte di una terra come la nostra i cui tratti sono sempre presenti nei suoi film. Questa mattina è un momento per ricordarlo in maniera intima, in attesa delle manifestazioni del pomeriggio a cui parteciperanno Sergio Zavoli e Piero Meldini. Non è vero che la città non sente il suo ricordo, basta vedere i murales dei vari borghi e gli appuntamenti che ci sono stati questa estate come la Notte Rosa il cui titolo,  AsaNisiMAsa, rappresenta la formula magica pronunciata dai piccoli protagonisti del film Otto e Mezzo. Entro un anno e mezzo al massimo, inoltre, sarà finita la casa del cinema allestita all'interno del Fulgor che, a pieno diritto, permetterà a tutti coloro che passano da queste parti di vedere e sentire Fellini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partorisce in spiaggia, "Non sapevo di essere incinta". Il piccolo in terapia intensiva

  • "Trappola" per motociclisti, una ragazza in ospedale. Preoccupazione a Santarcangelo

  • Gli albergatori di Riccione vedono un futuro nero: per la fine di agosto prevedono forti cali

  • Tremendo schianto frontale, centauro carambola sull'asfalto

  • Si spoglia in piena Marina Centro e dà in escandescenza

  • Schianto sull'Adriatica, auto contro due Harley: ci sono feriti, grave una donna - FOTO

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento