rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Cronaca Bellaria-Igea Marina

"Se ti perdessi preferirei morire", l'inquietante presagio nella poesia di Vittorio Capuccini

Il componimento dell'ex vigile di San Mauro sospettato del femminicidio di Oriana Brunelli riapparso sulla pagina Facebook del presunto assassino 4 giorni prima del delitto

Un inquietante presagio nella poesia scritta da Vittorio Capuccini, l'ex vigile 82enne di San Mauro sospettato del femminicidio della 70enne Oriana Brunelli, dove l'uomo al termine del componimento diceva "E credimi, se io un giorno io ti dovessi davvero perdere / Te lo confesso e te lo giuro, amore, preferirei morire". I versi, intitolati Un addio, risalgono al 1995 ed erano stati pubblicati sulla pagina Facebook del presunto femminicida una prima volta nell'agosto del 2020 per poi riapparire sul social network appena 4 giorni prima del delitto che si è consumato nel pomeriggio del 14 gennaio nel parcheggio di Bellaria. Capuccini, che aveva svolto il suo lavoro di agente della Municipale a San Mauro, era molto conosciuto in paese e, una volta andato in pensione, aveva sviluppato diversi passatempi tra cui appunto quello delle poesie tanto che amava pubblicarle sulla propria pagina Facebook presentandosi appunto come "scrittore". Nella cittadina cesenate sono in molti a ricordarlo in sella alla sua bicicletta elettrica e per la passione della caccia ma, anche, per il suo impegno come attore nelle rappresentazioni sanmauresi che lo avevano portato anche ad indossare la tonaca per interpretare il don Camillo di Guareschi. Sempre disponibile, l'82enne viene ricordato anche per il suo travestimento da Babbo Natale in occasione delle festività natalizie dove si rendeva anche disponibile a portare i doni ai bambini.

Omicidio suicidio a Bellaria

La relazione extraconiugale con Oriana Brunelli, inoltre, non sembrava un mistero e in paese quell'amore clandestino era a conoscenza di molti. Gli stessi, però, sottolineano come si fosse interrotto da diverso tempo. Una rottura alla quale, evidentemente, Capuccini non voleva rassegnarsi e forse proprio per questo aveva dato appuntamento alla 70enne nel parcheggio di via Rossini nel tentativo di convincerla a fare un passo indietro. Tutte motivazioni che, al momento, sono al vaglio degli inquirenti dell'Arma che indagano sull'omicidio suicidio analizzando cellulari e tabulati telefonici di entrambi per cercare conferme alle ipotesi investigative.

Poesia Vittorio Cappuccini-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Se ti perdessi preferirei morire", l'inquietante presagio nella poesia di Vittorio Capuccini

RiminiToday è in caricamento