Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Feroce lite all'alba del 1 gennaio, sfonda il vetro di casa per buttare fuori il compagno di una notte

I vicini allarmati dal frastuono hanno chiamato i carabinieri pensando fosse in corso un furto in un appartamento

Notte di capodanno di lavoro per i carabinieri della provincia di Rimini che, dalla serata del 31 all'alba del primo gennaio, hanno dovuto far fronte a 126 chiamate arrivate al 112 effettuando 36 interventi. La maggior parte di questi era riferito a liti domestiche, accuite dall'abuso di alcol per il cenone, coi militari dell'Arma che hanno provveduto a rimettere pace in famiglia. Più complesso l'intrvento alle 5.30 del mattino del primo gennaio quando, da Torre Pedrera, è arrivata una telefonata allarmata da parte di alcuni residenti che parlavano di una donna che dall'esterno aveva frantumato il vetro delle finestra di un appartamento. Pensando fosse in atto un furto, una pattuglia dell'Arma si è precipitata sul posto e i carabinieri si sono trovati davanti una 35enne russo in preda ai fumi dell'alcol e alquanto agitata. E' così emerso che la donna era la prorpietaria dell'abitazione e che, ubriaca fradicia, stava litigando con l'uomo con il quale aveva trascorso la notte. Finiti i bagordi il compagno, un italiano coetaneo, non voleva lasciare la casa e la russa nel tentativo di buttarlo fuori dall'appartamento aveva spaccato la finestra. Anche in questo caso, non senza fatica, i carabinieri sono riusciti a mettere apce tra i due calmando la 35enne e convincendola a non compiere gesti avventati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Feroce lite all'alba del 1 gennaio, sfonda il vetro di casa per buttare fuori il compagno di una notte

RiminiToday è in caricamento