Cronaca

Feroce lite in famiglia, necessarie due pattuglie dell'Arma per calmare l'esagitato

I carabinieri sono intervenuti nella notte tra lunedì e martedì allertati dai vicini che sentivano delle urla disperate provenire da un appartamento

Nella notte tra lunedì e martedì i carabinieri del Radiomobile di Riccione sono accorsi in un appartamento di viale Romagna da dove provenivano delle urla che avevano allarmato i vicini. Diverse le persone che hanno chiamato il 112 parlando di una donna che, a gran voce, chiedeva a un uomo di restituirle il telefono mentre quest'ultimo inveiva contro di lei. Quando la gazzella è arrivata sul posto, verso la mezzanotte, i carabinieri si sono trovati davanti una vera e propria furia: un 35enne napoletano, già noto alle forze dell'ordine, che si è scagliato contro le divise colpendoli con schiaffi e pugni. E' stato necessario l'arrivo di una pattuglia di rinforzo. Solo l'intervento di quattro militari dell'Arma ha permesso di immobilizzare l'esagitato e di portarlo in caserma. Dagli accertamenti è emerso che il 35enne stava litigando con la moglie per futili motivi quando, a causa del suo stato di alterazione, i toni hanno raggiunto i massimi livelli. L'uomo è stato quindi arrestato per i reati di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale ed è stato processato per direttissima martedì mattina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Feroce lite in famiglia, necessarie due pattuglie dell'Arma per calmare l'esagitato

RiminiToday è in caricamento