rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Cronaca

A Ferragosto 210 militari e 19 imbarcazioni della Guardia Costiera vigilano sul litorale romagnolo

Fino a questo momento sono state condotte 23 operazioni di ricerca e soccorso in mare, con impiego dei mezzi navali dipendenti, a favore di 18 imbarcazioni in difficoltà, e con il salvataggio di 58 persone

La Direzione Marittima – Guardia Costiera dell’Emilia-Romagna, in concomitanza del fine settimana di Ferragosto ha previsto, nell’ambito dell’Operazione “Mare Sicuro 2022”, l’impiego di 210 militari e complessivamente 19 mezzi navali che dal 13 al 15 agosto, si alterneranno a mare e lungo la fascia costiera a tutela della sicurezza della navigazione, della salvaguardia della vita umana in mare e dell’ambiente marino. Tutti i Comandi della Direzione marittima regionale, da Goro a Cattolica, saranno impegnati per garantire la presenza dei propri militari al fianco di bagnanti, diportisti e subacquei, nel periodo che tradizionalmente vede il maggior numero di turisti sulle nostre coste.

Le motovedette e i battelli pneumatici della Guardia Costiera, distribuiti in tutti i porti della Regione, saranno impiegati in particolare nel tratto di mare più vicino alla costa, dove si concentrano le attività balneari e diportistiche e quindi occorre mantenere più alta l’attenzione. L’obiettivo prioritario sarà quello di controllare il rispetto delle norme poste a tutela della sicurezza in mare e di prevenire, per quanto possibile, i comportamenti pericolosi, come la navigazione nelle aree riservate ai bagnanti, l’eccesso di velocità in prossimità della costa ed il mancato rispetto della distanza minima da tenere dai subacquei in immersione.

Fino a questo momento della stagione estiva, nella fascia di mare della regione Emilia-Romagna di competenza della Direzione Marittima, sono state condotte 23 operazioni di ricerca e soccorso in mare, con impiego dei mezzi navali dipendenti, a favore di 18 imbarcazioni in difficoltà, e con il salvataggio di 58 persone. In molti casi a creare situazioni di pericolo sono state le condizioni del tempo non favorevoli, che per questo è consigliabile seguire costantemente e non sottovalutare.

Sicurezza in mare: alcune regole

Tra le regole più importanti a tutela della sicurezza in mare, previste dalle ordinanze di polizia marittima locali consultabili sul sito istituzionale della Guardia Costiera: la fascia di mare fino a 300 metri dalla costa è strettamente riservata alla balneazione; è vietata la navigazione delle unità navali nella fascia di mare fino a 500 metri dalla costa, comprensiva della zona riservata alla balneazione e dell’ulteriore zona cuscinetto, prevista per maggior sicurezza; entro i 1000 metri dalla costa le unità navali non devono superare la velocità di 10 nodi, mantenendo lo scafo in dislocamento; i subacquei sportivi in immersione devono utilizzare l’apposito segnale galleggiante sormontato da una bandierina rossa con striscia diagonale bianca; le unità navali nelle vicinanza devono mantenersi ad almeno 100 metri di distanza diminuendo la velocità; è vietato avvicinarsi a meno di 500 metri dalle piattaforme off-shore, e di 1000 metri dai terminali marini per lo sbarco di prodotti petroliferi.  

Si raccomanda in ogni caso a tutti gli utenti del mare massima prudenza, dal momento che la sicurezza si basa in gran parte anche sul principio dell’autoprotezione e dell’agire responsabile e consapevole dei rischi e delle conseguenze dei propri comportamenti. Per le emergenze in mare si ricorda che è possibile chiamare il numero blu 1530, attivo tutti i giorni 24h su 24, che mette in contatto tempestivamente con il più vicino Comando della Guardia Costiera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Ferragosto 210 militari e 19 imbarcazioni della Guardia Costiera vigilano sul litorale romagnolo

RiminiToday è in caricamento