Festa dei 100 giorni col Bonus Cultura, a Bellaria intervengono le Iene

Numerosi gli studenti riminesi intervistati dagli inviati della trasmissione Mediaset che hanno ammesso di aver utilizzato i 500 euro per alcol e bagordi

I primi a puntare il dito per un utlizzo poco "culturale" dei 500 euro messi a disposizione dei 18enni dal MiBACT, nel passato governo Renzi, erano stati i consiglieri regionali grillini. A segnalare il caso Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle, che avevano presentato una interrogazione in Regione evidenziando l’uso totalmente distorto di risorse che teoricamente dovrebbero avvicinare i giovani alle iniziative culturali e che invece, almeno nei casi presi in esame, possono essere utilizzate per scopi totalmente diversi. "Tra gli eventi insoliti che è possibile acquistare attraverso l’applicazione c’è anche la festa dei 100 giorni che si è tenuta al Palacongressi di Bellaria per tutti gli studenti degli istituti superiori del riminese che stanno per affrontare l’esame di maturità – avevano ricordato Bertani e Sensoli – Anche in questo caso si tratta di un evento che assomiglia moltissimo a una semplice serata passata in discoteca con cena iniziale".

Ed è proprio a Bellaria che gli inviati delle Iene hanno realizzato un servizio, andato in onda domenica sera, dove gli stessi studenti hanno ammesso di aver finanziato al serata, ad alto tasso alcolico, proprio con il bonus messo a disposizione del Ministero. Alla domanda "cosa ti aspetti da questa serata culturale?" non sono state poche le ragazze che speravano di non vomitare, per i troppi alcolici ingurgitati, e i ragazzi che, alla conoscenza delle materie d'esame, hanno preferito approfondire altri concetti con le loro amiche. Il tutto in un video che documenta quello che è successo al Palacongressi. Un uso distorto, quello dei 500 euro, che è stato sottoposto dagli inviati Mediaset al ministro Dario Franceschini.
"Il bonus cultura è una bella idea - ha commentato il responsabile del dicastero - che ha fatto crescere gli acquisti di libri e i consumi culturali. Che ci sia qualcuno che abusa è un problema, in questo caso erano frasi molto deprimenti però i giovani non sono solo questi. Poi non capisco come questa festa dei 100 giorni possa essere finanziata col bonus, evidemtemente c'è un concetto distorto di concerto. Non me la sento di dare un giudizio su queste battute terribili sentite alla festa, tra i ragazzi, come in tutte le fasce sociali, ci sono persone intelligenti e aperte e persone che, purtroppo, utilizzano anche el cose buone malamente. Ma non si può generalizzare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento