Fiamme nel bar del centro storico, arrestato il presunto piromane

Interrogatorio di garanzia per un 23enne sospettato di essere l'autore del rogo avvenuto nella primavera di quest'anno

Si è svolto nella mattinata di mercoledì l'interrogatorio di garanzia di un 23enne riminese, arrestato nei giorni scorsi, accusato di aver appiccato un incendio in un locale del centro storico. La vicenda risale allo scorso 9 maggio quando, nella notte tra lunedì e martedì, ignoti avevano preso di mira il bar Mythos di corso d'Augusto. In quella occasione degli sconosciuti, armati di materiale infiammabile, avevano dato fuoco alla porta della struttura verso le 4.30 con le fiamme che avevano avvolto l'ingresso provocando lievi danni alla struttura e riempiendo il locale di fumo. Grazie alle telecamere a circuito chiuso, gli inquirenti sono risaliti fino al 23enne che aveva minacciato di ritorsioni i gestori. Ascoltato mercoledì mattina dal gip, tuttavia, il ragazzo ha negato ogni addebito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento