menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fila tutto liscio al Molo Street Parade

Gran lavoro ed impegno per i Carabinieri nella nottata tra sabato e domenica per garantire un ordinato svolgimento dell’importante iniziativa del Molo Street Parade

Gran lavoro ed impegno per i Carabinieri nella nottata tra sabato e domenica per garantire un ordinato svolgimento dell’importante iniziativa del Molo Street Parade. Moltissime le persone che si sono radunate lungo tutta la zona interessata e l’Arma, d’intesa con le altre forze dell’ordine sul territorio, ha posto in essere un articolato dispositivo a garanzia e sicurezza dei cittadini e dell’ordine pubblico. Sono state impegnate ben 15 pattuglie in uniforme.

Ma sono stati svolti altri servizi in borghese lungo l’arenile. Particolarmente utile ed apprezzata la Stazione Mobile a cui diversi turisti si sono rivolti per chiedere informazioni o per assistenza. Il Comando dell’Arma ha potuto beneficiare dell’invio dal Comando Legionale di Bologna di numerosi militari rinforzi che sono stati tutti orientati verso questo specifico impegno. Molti gli interventi effettuati, allontanati e sanzionati 12 venditori ambulanti di bevande non autorizzati che si aggiravano con la loro merce nella zona della ruota panoramica cercando di vendere soprattutto alcolici.

La festa si è conclusa senza particolari incidenti e questo grazie all’impegno corale di tutti i soggetti impegnati. Alcuni giovanissimi, anche di minore età, sono stai soccorsi perché vittime di abuso di alcol o perché colti da colpi di calore.  Gran lavoro anche da parte di personale della motovedetta che, oltre a garantire sicurezza lungo il canale, ha effettuato diversi interventi di assistenza ad imbarcazioni ed ha provveduto a rimuovere dal mare alcuni ostacoli pericolosi per la navigazione scivolati in acqua tra cui bottiglie ed una transenna.

Inoltre alle ore 4.30,a seguito di una segnalazione su utenza 112 di un cittadino, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti sull’arenile di Rimini, all’altezza del bagno 42, dove hanno sorpreso in flagranza un senegalese di 30 anni che aveva rubato ai danni di una coppia di turisti polacchi, una borsa contenente due telefoni cellulari e 500 euro in contanti.

L’extracomunitario è stato fermato e perquisito: aveva con se tre telefoni cellulari e 250 euro, anch’essi compendio di furto. Ai due polacchi è stato immediatamente restituito quanto rubato mentre l’ulteriore refurtiva è stata sequestrata per la restituzione ai proprietari. e venivano avviate le procedure per individuarne i proprietari. Il senegalese sarà processato nella mattinata di lunedì.

Alle precedenti ore 01.30, sempre una pattuglia del Nucleo Radiomobile è intervenuta in un bar del lungomare ove era stato segnalato un ubriaco che non voleva pagare il conto. Giunti sul posto, i militari prontamente hanno risolto la situazione inducendo il soggetto a pagare il conto, per poi accompagnarlo in caserma per l’identificazione in quanto era in stato di alterazione, rifiutando di fornire le proprie generalità.

Giunti negli uffici, nel corso delle operazioni di identificazione (fotosegnalamento), l’extracomunitario ha spintonato ripetutamente con violenza i carabinieri che comunque non hanno riportato ferite. Il soggetto dovrà rispondere di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e pertanto veniva deferito all’Autorità Giudiziaria.

Sempre nel medesimo contesto di intensificazione dei servizi alle ore 18.30, a seguito di una segnalazione del gestore del Bagno 143, i Carabinieri di Rimini Miramare sono intervenuti sull’arenile, sorprendendo in flagranza del reato di furto aggravato, S.V, un ucraino di 22 anni che aveva rubato, ai danni di una turista russa, una macchina fotografica digitale del valore di 700 euro. La refurtiva è stata recuperata e restituita mentre il colpevole sarà processato lunedì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento