Film Rai su Riccione, scoppia la polemica: "La città ne esce con le ossa rotte"

L'attore Gianluca Vannucci (Pd): "Uno spot negativo, ci sono già oltre 10mila commenti negativi"

Il 23 luglio è stato mandato in "onda" in Rete il web film della Rai "Riccione" che ha già registrato un milione e duecentomila visualizzazioni. Peccato, che il progetto, stia facendo infuriare molti riccionesi e soprattutto il Pd. A stroncare a nome del Partito Democratico il film è l'attore e produttore riccionese Gianluca Vannucci.

Vannucci non si spiega come dall’assessorato alla cultura e al turismo "abbiano potuto permettere la messa in onda di uno spot così negativo. Purtroppo i riccionesi che non lo hanno visto o neppure ne sono a conoscenza, dovrebbero indignarsi per come ne esce la nostra città: letteralmente con le ossa rotte. Temo molto un danno d’immagine. Inutile sbandierare un milione di visualizzazioni o addirittura che il progetto è costato zero al Comune, quando i dislike sono già a quota 10mila, un vero e proprio record in negativo. Un film web che si chiama Riccione e che di Riccione non ha nulla”. 

"Un’occasione persa per una Riccione che non si riconosce nella location, nei personaggi, nei colori e dove prostituzione, omofobia, scene di spaccio e un consumo smodato di alcol giocano un ruolo primario nelle economie della trama. Ed è a dir poco tafazziano il riferimento alla spesa di 45 euro per lettino e ombrellone in spiaggia, visti i tempi che corrono. Il film parte da un locale e prosegue con una scena dove uno dei protagonisti va a prostitute, è pieno di errori tecnici e scenografici, come la presenza di Smartphone e banconote da 5 euro in scene ambientate nel 2001, all’uso dilettantisco del green screen o la massiccia presenza invasiva di sponsor in gran parte delle scene".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua l'attore: "Il prodotto non rappresenta affatto Riccione, la quale compare solo sullo sfondo risultando poco riconoscibile perfino alla gente del luogo. Questo film web è un ammasso di sketch fini a sé stessi a volte pieni di becero sessismo che farebbe impallidire il peggiore dei cinepanettoni. Gli attori sono tutti YouTuber a parte Enzo Salvi. E anche questa formula del puntare su un blocco di YouTuber come garanzia di like e visualizzazioni lascia alquanto perplesso chi lavora nel web o nel filmaking. A mio avviso si sarebbe dovuto prendere spunto da serie web di qualità come quella storica fatta dall’isola D’Elba su Napoleone Bonaparte, invece di accettare una produzione Rai che definire sperimentale è un eufemismo, solo per il fatto che sia stata realizzata gratuitamente, e trovo sorprendente che non ci sia stato nessun controllo da parte dell’assessore al cultura e al turismo Caldari sulla sceneggiatura o una visione del film web una volta ultimato prima di dare il placet alla sua messa in onda. Sono altresì sorpreso da questo clamoroso autogol poiché l’assessore è intervenuto alla conferenza stampa a Milano di presentazione. Avevo proposto una serie web su Riccione nel 2014, ma non fui ascoltato, purtroppo trovandomi a valutare questo film web “donato” alla città non posso non sottolineare che si tratta di un ennesimo boomerang al nostro turismo, dopo risse verbali sui vaccini e divieti di balneazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento