menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fine della corsa per il ladro travestito da ciclista professionista

Grazie al travestimento passa inosservato nei locali dove decideva di mettere a segno i furti

Si è conclusa con una denuncia a piede libero la corsa di un ladro che, travestito da ciclista professionista, ha messo a segno una serie di colpi tra Forlì e Faenza. L'uomo, un 57enne pugliese residente a Rimini già noto alle forze dell'ordine, per furto e indebito utilizzo di carta di credito, utilizzava lo stratagemma per passare inosservato nei luoghi dove andava a rubare. In sella a una bici sportiva, e abbigliato di tutto punto, il malvivente aveva già colpito all’interno della casa di riposo "Zangheri" derubando un'anziana ospite. L'ultimo dei colpi che gli viene addebitato dagli inquirenti della Questura di Forlì e del Commissariato di Polizia di Faenza è avvenuto alcuni mesi fa quando una giovane dipendente di un'associazione sportiva venne derubata del portafoglio che aveva nella borsetta appoggiata dietro il banco di ricezione del pubblico. Trattandosi di associazione culturale sportiva, l’uomo si era probabilmente introdotto all’interno con qualche scusa, confondendosi con altri sportivi grazie al suo abbigliamento. La derubata non si accorse immediatamente dell’ammanco, così che il ladro era riuscito ad effettuare alcune spese di poche decine di euro con la funzione contactless del bancomat, usato in esercizi nei pressi della stazione ferroviaria di Faenza.

Gli investigatori di quel Commissariato, a richiesta dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Forlì, dove era stata presentata la denuncia, avevano interpellato gli esercenti dove era stato utilizzato il bancomat, ricevendo l’unanime descrizione del cliente come un uomo di circa 55-60 anni, giunto in bicicletta con abbigliamento sportivo da ciclista. Nell’occasione, furono acquisite anche alcune immagini, che immortalavano il soggetto, ormai volto noto sia a Forlì, sia a Faenza, che poi è stato riconosciuto dai commercianti. Al termine degli accertamenti è stato denunciato per il furto e per l’utilizzo illecito del bancomat. Prima della conclusione delle indagini il ladro era stato comunque arrestato, in quanto destinatario di un ordine di esecuzione relativo al cumulo di pene detentive ricevute nel tempo per altri furti, così che ora si trova detenuto in carcere.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Zanzariere, ecco pochi e semplici prodotti per pulirle

Cura della persona

5 consigli per avere una rasatura perfetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento