rotate-mobile
Cronaca Riccione

Fine della scuola, il Pedibus riccionese va in vacanza

Quest’anno l’iniziativa di far accompagnare i bambini delle elementari a scuola a piedi, con la scorta di genitori, nonni e volontari di protezione civile, con il coordinamento della Polizia Municipale, ha coinvolto mediamente ogni giorno circa 200 bambini e 40 adulti

Con la fine della scuola anche il Pedibus riccionese va in vacanza. Quest’anno l’iniziativa di far accompagnare i bambini delle elementari a scuola a piedi, con la scorta di genitori, nonni e volontari di protezione civile, con il coordinamento della Polizia Municipale, ha coinvolto mediamente ogni giorno circa 200 bambini e 40 adulti (genitori e nonni e persino 6 volontari di protezione civile, nei momenti di necessità) sulle nove “linee” attivate.

Le scuole interessate dal secondo anno di attività del Pedibus riccionese sono state La Scuola elementare Fontanelle di via Capri (tre linee), la Scuola Annika Brandi di via 4 Novembre (quattro linee), la Scuola elementare San Lorenzo (due linee). “L’obiettivo per il prossimo anno – commenta l’Assessore alla Polizia municipale Lanfranco Francolini – è quello di estendere il Pedibus anche alle altre scuole elementari cittadine, pubbliche e private, attivando nuove linee. Oltre ai benefici legati alla conquista dell’autonomia dei bambini, alla lotta alla sedentarietà, e quindi alla salute, l’effetto del Pedibus sul traffico al mattino davanti alle scuole si è percepito in modo evidente. Meno auto e meno traffico all’ingresso di scuola significa anche meno pericolo e minore inquinamento dell’aria. Anche questo va in direzione di una migliore qualità della vita per tutti”.

Il Progetto Pedibus è stato coordinato dal Comando di Polizia Municipale di Riccione, in collaborazione con i dirigenti scolastici Sandra Villa (Istituto comprensivo Riccione 1) e Paride Principi (Istituto comprensivo Riccione 2), gli insegnanti dei plessi coinvolti, e la consulenza del dott. Danilo Gambarara, Divisione di medicina della Sport dell’Ausl di Rimini. Secondo i dati forniti dall’Ausl di Rimini, in base a ricerche effettuate in Provincia di Rimini nel 2008, il 30 per cento dei bambini tra gli 8 e 9 anni sono in sovrappeso, di questi il 10 per cento tende all'obesità. Motivo di questa tendenza: i bambini sempre più sedentari, seduti al mattino tra i banchi di scuola, e in seguito al computer, ai videogiochi, alla tivù e simili. Il Pedibus, da solo, certo non risolve il problema, ma rappresenta – secondo gli esperti - un ottimo incentivo al movimento in gruppo, visto come gioco. Attualmente il 90% dei bambini di Ricione viene accompagnato a scuola in auto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fine della scuola, il Pedibus riccionese va in vacanza

RiminiToday è in caricamento